meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 13 Giu 2017
Print Friendly and PDF

Pandolfini. Successo a Milano per i moderni e contemporanei

Centro Svizzero, Milano. Si è tenuta ieri, 12 giugno,  l’asta di arte moderna e contemporanea da Pandolfini. Centocinquantatré lotti la mattina e centosettant’otto il pomeriggio per un totale di quasi 2 milioni di euro con una percentuale di venduto del 70%. La casa d’aste fiorentina risulta sempre molto attiva sul mercato milanese. Da sottolineare anche l’intensa attività della piattaforma Pandolfini Live, attraverso la quale sono state aggiudicate diverse opere.

Inizia bene la mattinata con la vendita di Cow Going Abstract. Un trittico di Roy Lichtenstein stimato €4.000/6.000 e venduto a €10.500. Buone aggiudicazione anche per Fateh Moudarres che con tre opere ha sempre superato la stima massima prevista. Venendo battuto a €3.400 (un olio su tavola del 1958), a €4.200 (acrilico e olio su tovagliolo su tela) e a €2.000 (olio su cartone applicato su tavola).

ROY LICHTENSTEIN (New York 1923 - 1997) Cow Going Abstract (trittico) serigrafia su carta, foglio cm 66x78; es. 78/150 firmato e numerati eseguito nel 1982 Pandolfini asta moderno e contemporaneo

ROY LICHTENSTEIN
(New York 1923 – 1997)
Cow Going Abstract (trittico)
serigrafia su carta, foglio cm 66×78; es. 78/150
firmato e numerati
eseguito nel 1982
Venduta: €10.500

 

Un olio su tela, Fiori (1940), di Filippo De Pisis ha più che duplicato la sua stima massima aggiudicandosi un valore pari a €8.000. A soli 500 euro in più è stata venduta una Natura Morta (1958) di Bruno Cassinari. La stima era tra i €3.000 e i €5.000. L’opera Invito alla solitudine di Walter Lazzaro ha quadruplicato la sua stima massima – raggiungendo i €4.800. Un olio e cemento su cartone telato di Xavier Bueno ha toccato i €7.000 (stima €2.000/3.000).
Nessuna aggiudicazione sopra i 10.500 euro in mattinata. Da menzionare ancora un’altra opera di LichtensteinIndustry and the Arts – venduta in sala per €7.500 (stima €3.000/5.000)

Il pomeriggio di Pandolfini parte con un bronzo di Stefano Bombardieri. Il quale ha innescato parecchie offerte sia online che telefoniche per poi essere venduto ad un “acquirente virtuale” per €7.500. Rimanendo però all’interno di valore di stima, €5.000/8.000. Anche una tela estroflessa – di Agostino Bonalumi – con tempera vinilica intitolata Blu (1982) ha suscitato interesse. Partendo da un’offerta iniziale di €6.000 ha subito raggiunto €10.000 da parte di un acquirente telefonico. Venduta poi in sala per €13.000, con una stima massima di €14.000. I lotti successivi di Piero Dorazio, Achille Perilli e Tano Festa non hanno colpito i compratori. Tutti venduti al di sotto della stima massima.

STEFANO BOMBARDIERI (Brescia 1968) Bagaglio/sacchi bronzo, cm 45x26x35; es. 3/9 firmato, numerato e datato eseguito nel 2006 L’opera è accompagnata da autentica dell’artista su fotografia Pandolfini casa d'aste

STEFANO BOMBARDIERI
(Brescia 1968)
Bagaglio/sacchi
bronzo, cm 45x26x35; es. 3/9
firmato, numerato e datato
eseguito nel 2006
L’opera è accompagnata da autentica dell’artista su fotografia
Venduta: €7.5

Un’opera degna di nota è sicuramente KI2a (1975) di Paolo Cotani. Partita da un’offerta di €4.000 ha raggiunto i €28.000 in sala. Superando di €20.000 la stima massima da catalogo. Tutte le opere in asta sono caratterizzate dal gioco di tensioni delle bende elastiche tipico della sua ricerca artistica. Le altre, però, non hanno ottenuto gli stessi ottimi risultati.

PAOLO COTANI (Roma 1940) K12a acrilico su bande elastiche, cm 100x100 sul retro: firmato, titolato e datato eseguito nel 1975 L’opera è accompagnata da autentica dell’Associazione Paolo Cotani su fotografia Pandolfini casa d'asta

PAOLO COTANI
(Roma 1940)
K12a
acrilico su bande elastiche, cm 100×100
sul retro: firmato, titolato e datato
eseguito nel 1975
L’opera è accompagnata da autentica dell’Associazione Paolo Cotani su fotografia
Venduta: €28.00

Molto presenti in asta Achille Perilli, Rodolfo Aricò e soprattutto Piero Dorazio. Di quest’ultimo contiamo ben 15 lotti. Solamente uno rimasto invenduto. Quattro hanno superato il valore massimo assegnato da catalogo mentre le altre sono rimaste all’interno (o poco al di sotto) dei valori di stima. L’aggiudicazione più alta è stata per “Cycladic” Scuro. Un olio su tela del 1982 battuto per €43.000 (stima minima €45.000). Molte offerte per l’opera Pensieri I (1985), un olio su tela venduto a €9.500 (stima €3.000/5.000).

Tano Festa non ha avuto un grande successo. Oscillante tra la stima minima e valori anche inferiori.
Due Aereopittura, olii su tela futuristi di Italo Ferro hanno superato di €6.000/7.000 euro le stime minime. Raggiungendo valori d’asta pari a €18.000 e €19.000. È stato mostrato interesse anche per Paesaggio siciliano + aerei caproni di Giulio D’Anna. Appartenente ai primissimi esperimenti di aeropittura dell’artista. Venduto per €15.000 (stima €9.000/14.000). Tra le opere futuriste in catalogo certamente queste sono le più interessanti.
Acceso scambio di offerte telefoniche per la tela La mano e il tavolo (1965) di Renato Mambor. Venduta a 28.000. Completamente dentro i valori di stima.

RENATO MAMBOR (Roma 1936) La mano e il tavolo acrilico su tela, cm 170x120 sul retro: firmato, titolato e datato eseguito nel 1965 Pandolfini

RENATO MAMBOR
(Roma 1936)
La mano e il tavolo
acrilico su tela, cm 170×120
sul retro: firmato, titolato e datato
eseguito nel 1965
Venduto: €28.000

Dobbiamo arrivare ai lotti 251 e 252 per superare le stime massime con opere di Tano Festa e Tancredi Parmeggiani. Una gouache di quest’ultimo – proveniente dalla Felicity Samuel Gallery di Londra – è stata venduta a €8.500. Superando di €3.500 la stima massima prevista. Mentre Coriandoli (1984) di Festa ha raggiunto i €13.000 (stima €8.000/12.000).
Nessun gran risultato per le opere di Dadamaino. Molte offerte invece per un olio su tavola datato 1989 di Piero Pizzi Cannella. Da un valore iniziale di €6.000 ha raggiunto i €16.000.

Tra le  opere più preziose in asta troviamo Spazio Elastico (stimato €90.000/140.000) eseguito nel 1974/75 con molle, elastici, chiodi, spago e smalto su tavola da Gianni Colombo. Battuta a €120.000.

GIANNI COLOMBO

GIANNI COLOMBO
(Milano 1937 – Melzo 1993)
Spazio elastico
molle, elastici, chiodi, spago e smalto su tavola, cm 124×127
eseguito nel 1975/1976

Dal lotto 295 al lotto 322 abbiamo partecipato ad una sessione dedicata ai disegni. Protagonista Pablo Picasso con Les déjeuners (1961). Una matita su carta venduta a €78.000 (stima massima €100.000).

PABLO PICASSO (Màlaga 1881 - Mougins 1973) Les déjeuners matita su carta, cm 27x42 firmato e datato eseguito nel 1961 Pandolfini

PABLO PICASSO
(Màlaga 1881 – Mougins 1973)
Les déjeuners
matita su carta, cm 27×42
firmato e datato
eseguito nel 1961
Venduto: €78.000

Buoni risultati anche per Otto Dix, Mathis Leroux e Fortunato Depero con il suo Studio per il manifesto per la Società Nazionale Gazometri di Milano che ha raggiunto i €7.000 (contro una stima di €2.500/4.500). Come si legge sul retro era il “bozzetto preliminare per l’arazzo realizzato per il concorso Ali fasciste del 1937”.

Ottima aggiudicazione per quanto riguarda Superficie bianca (1985) di Enrico Castellani. Una carta rilievo che ha raggiunto i €10.000, con €3.000 di offerta di partenza.
Presente in asta anche un disegno di Amedeo Modigliani.  Una matita su carta datata 1917/1918 e stimata €50.000/70.000. È stata venduta a €45.000 ad un unico offerente al telefono. Le quattro opere su carta di Lucio Fontana non hanno avuto successo. Così come la grande serigrafia Mao (1974) di Andy Warhol. Una carta da parati che fu realizzata dall’artista appositamente come sfondo di allestimento in occasione della sua personale al Musée Galliera di Parigi nel 1974.

AMEDEO MODIGLIANI (Livorno 1884 - Parigi 1920) Nudo di donna a mani giunte matita su carta, cm 29x21 firmato eseguito nel 1917-1918 Venduto: €45.000 Pandolfini asta moderno contemporaneo

AMEDEO MODIGLIANI
(Livorno 1884 – Parigi 1920)
Nudo di donna a mani giunte
matita su carta, cm 29×21
firmato
eseguito nel 1917-1918
Venduto: €45.000

Il lotto numero 348 – un acrilico su plastica su tavola – di Hans Jorg Glattfelder è stato acquistato da una signora in sala. Dopo svariate offerte e controfferte da parte di un compratore al telefono, la donna si è aggiudicata l’opera per €9.500. Contro una stima massima di €8.000.

Per maggiori informazioni: www.pandolfini.it

*tutte le aggiudidicazioni sono da intendersi  senza diritti d’asta

4 (80%) 5 votes

Autore

- Laureata in Economia e Gestione dei Beni Culturali e dello Spettacolo presso l'Università Cattolica di Milano


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Il Ponte
Cambi |istituzionale
Wannenes
WopArt 2019
PANDOLFINI
Bertolami | 10 lug