meeting art istituzionale
Pubblicato il: gio 04 Mag 2017
Print Friendly and PDF

L’Esplosione dell’Uovo Cosmico. Pietro Geranzani a Milano

La chiesa di San Raffaele a Milano ospita per un mese, dal 5 maggio al 5 giugno, “L’Esplosione dell’Uovo Cosmico”, mostra personale di Pietro Geranzani.

img_9162

Dal testo critico di Michele Dolz: “La pittura di Pietro Geranzani è ruvida, inclemente, maleducata. Esplora le forme senza rimorso, le mescola, le ibrida, scarica il colore come le pare, a grumi, liquido o impuro. La pittura di Geranzani non ha paura ma a volte fa paura. Perché ci presenta un mondo nuovo che credevamo di conoscere. Pezzi di mondo che ne compongono uno diverso, e ciò è terribile perché è mostruoso.

Tuttavia, superato il primo stupore, questa pittura cede alla nostra pietà, alla misericordia che ama il deforme, l’anomalo. E s’intuisce che l’artista ha visto là dove noi non vediamo e che prova tremante a raccontarcelo. C’è qualcosa di primigenio di nucleare in queste visioni, non invano nei titoli compare spesso il termine cosmico.
«Ma perché vuoi esporre un quadro in chiesa?».
«In un luogo consacrato al culto i significati cambiano radicalmente».
«Ovvio. Ma allora vuoi piegare i sentimenti religiosi degli altri alla vanità del tuo lavoro, alla tua soddisfazione insomma».
«No».
«Giochi con ciò che la gente ha di più caro e intimo».
«Ma allora tu non capisci!».
«Che cosa non capisco?».
«Che questi dipinti sono religiosi».
Sì che lo capisco, anzi poche volte ho visto una pittura tanto genuina e tanto alla ricerca della verità. Geranzani ha ragione, benché non dipinga «temi religiosi», come del resto non faccio nemmeno io.
Duchamp diceva che il titolo è la metà dell’opera. In certi casi, come questo, è vero. L’esplosione dell’uovo cosmico è un titolo che cambia la nostra percezione del soggetto. L’uovo è ed è stato in tutte le culture simbolo di perfezione e di vita. Di perfezione, per la forma senza principio né fine; di vita, perché la produce. Si parlava di uovo cosmico in certe culture antiche come di quel principio che ha generato tutto. Come il big bang? Nell’iconografia cristiana evoca la nascita, la rinascita, la vita nuova che Cristo ha portato. Non per nulla Piero della Francesca lo colloca sospeso sopra la Madonna col Bambino.
Ma questo non è un uovo! Precisamente. Questa è la pittura dell’ignoto, della ri-creazione, del rimescolamento delle forme che ci costringe a pensare, a sognare a immaginare una nuova vita. Per questo è un uovo. E per questo è in chiesa.”

Pietro Geranzani è nato a Londra (GB) nel 1964. È pittore e filmmaker. Dopo aver trascorso l’infanzia tra la Germania e la Svizzera completa gli studi all’Accademia Ligustica di Belle Arti a Genova. Ora vive e lavora a Milano. La lunga esperienza espositiva lo ha portato a partecipare a diverse rassegne nazionali e internazionali, tra cui: Ombre Ammonitrici a Palazzo Ducale a Genova nel 2009 in occasione della commemorazione della Giornata della Memoria, Menschenbilder im Stadthaus Zürich a Zurigo nel 2008, la 54. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Arsenale, a Venezia nel 2011, e nello stesso anno The Elephant Men, Workshop Galleria d’Arte Contemporanea, a Venezia. Lo Stato dell’Arte – Liguria, Padiglione Italia, Biennale di Venezia 2011, Palazzo della Meridiana, Genova, sempre nel 2011. La partecipazione alla mostra Il Male – Esercizi di Pittura Crudele nella palazzina di caccia di Stupinigi (TO) nel 2005. Nel 2000 vince il premio Duchessa di Galliera ed espone in 1950 – 2000, Arte Genovese e Ligure dalle Collezioni del Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce nel Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova. Nel 1998 segnaliamo la mostra Genua-Berlin, Drei Maler aus Genua in Berlin, St. Matthaus Kirche a Berlino e la mostra presso la Galleria AAB di Brescia. Numerose le mostre itineranti, personali e collettive in Francia, Stati Uniti e Finlandia.
Come filmmaker ha realizzato, dalla fine degli anni novanta diversi cortometraggi sperimentali e collaborazioni con videoartisti e musicisti tra cui Francesco Arena, William Basinski, la danzatrice Aline Narie e la compagnia UBI danza, Blindosbarra.

“L’ESPLOSIONE DELL’UOVO COSMICO”
Pietro GERANZANI
5 maggio | 5 giugno 2017
INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA
5 maggio 2017
ore 18.30

con il patrocinio della Diocesi Di Milano, la Galleria Area 35 Art Gallery

chiesa di San Raffaele
Via San Raffaele 3 – Milano MM Duomo
info@area35artgallery.com
www.area35artgallery.com

ORARI
lunedì – venerdì (8.30-18.30)
sabato 15.30 – 18.30
domenica chiuso

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

WopArt 2019
Bertolami | 20 giu
Cambi Casa d'Aste
Wannenes
Cambi
Maison Bibelot