meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 20 Nov 2015
Print Friendly and PDF

Il Post-Impressionismo in Europa. Seurat, Van Gogh e Mondrian a Verona

Georges Seurat

Georges Seurat (Parigi 1859 – 1891)
Domenica a Port-en-Bessin
1888
Olio su tela, 66×82 cm
Kröller-Müller Museum, Otterlo, Netherlands
© Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the
Netherlands
www.krollermuller.nl

I protagonisti del Post-impressionismo sono in mostra a Palazzo della Gran Guardia di Verona fino al prossimo marzo. Una mostra che vede incentrato il proprio percorso sul divisionismo, corrente d’avanguardia che segna il passaggio dall’Ottocento al Novecento, e che fungerà da presupposto per il movimento astrattista dei primi del XX secolo.

Paul Signac

Paul Signac (Parigi 1863 – 1935)
La sala da pranzo, Opus 152
1886 – 87
Olio su tela, 89,5×116,5 cm
Kröller-Müller Museum, Otterlo, Netherlands
© Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the
Netherlands
www.krollermuller.nl

Teorie ottiche, uso della luce e del colore in termini scientifici la fanno da padroni nelle diverse sezioni attraverso cui le opere dei grandi maestri George Seurat, Vincent Van Gogh e Piet Mondrian sono fruite. Sebbene sotto alcuni punti di vista didascalica, con pannelli che descrivono storicamente l’evoluzione e la diffusione delle tinte industriali, in generale la mostra può vantare pezzi come Sala da pranzo (1887) di Signac, il celebre Autoritratto di Van Gogh e Composizione con rosso, giallo e blu (1927) di Mondrian.

Mondrian

Piet Mondrian (Amersfoort 1872 – New York
1944)
Composizione con rosso, giallo e blu
1928
Olio su tela, 40×52 cm
Kröller-Müller Museum, Otterlo, Netherlands
© Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the
Netherlands
www.krollermuller.nl

Le opere esposte appartengono alla collezione del Kröller Müller Museum, che porta il nome della collezionista olandese Helene Kröller-Müller, una delle prime che riuscì a cogliere le qualità pittoriche dietro le dense pennellate di Van Gogh, inconfondibili in Natura morta con patate (1888).

Vincent van Gogh

Vincent van Gogh (Zundert 1853 – Auvers-sur-
Oise 1890)
Autoritratto
Aprile – giugno 1887
Olio su cartone, 32,8×24 cm
Kröller-Müller Museum, Otterlo, Netherlands
© Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the
Netherlands
www.krollermuller.nl

La mostra, curata a quattro mani da Liz Kreijn e Stefano Zuffi, si configura come un lungo viaggio all’interno del fenomeno che in Olanda e in Italia è passato sotto il nome di divisionismo, inteso come tecnica mediante cui i colori sono disposti sulla tela per sovrapposizione, piuttosto che mescolati. Tale principio vedeva il suo precursore nel movimento che in Francia, a partire dalla metà degli anni Ottanta del XIX secolo, era stato battezzato dal critico Félix Fénéon, pointillisme.

Nella mostra Seurat-Van Gogh-Mondrian. Il Post Impressionismo in Europa, a rendere chiaro il passaggio dal divisionismo all’astrattismo sono autori come Theo Van Rysselberghe – il Perkiridy con l’alta marea (1889) – artista che pur essendosi avvicinato ai temi del divisionismo, tuttavia lascia intendere nelle sue tele che nessun principio scientifico possa sostituirsi allo studio dal vivo. E ancora le opere di Johan Thorn Prikker, allievo di Henry van de Velde – anche lui in mostra con Crepuscolo (1889).

A lui è dedicata la sezione inerente la tematica del sacro, in cui è chiaro il progressivo avvicinamento alla tecnica della decorazione delle vetrate – Cristo in croce (1891). Sembra quindi che i tre protagonisti citati nel titolo della mostra fungano da punti saldi cui fare affidamento, pur tuttavia il processo di transizione stilistica è affidato a personalità minori che rivivono grazie al gusto di Helena Kröller Müller.

Johan Thorn Prikker

Johan Thorn Prikker (L’Aja 1868 – Colonia 1932)
Cristo in croce, 1891 – 92
Olio su tela, 100×70 cm
Kröller-Müller Museum, Otterlo, Netherlands
© Collection Kröller-Müller Museum, Otterlo, the
Netherlands
www.krollermuller.nl

 

________________________

INFORMAZIONI UTILI:

Seurat – Van Gogh – Mondrian.
Il Post-impressionismo in Europa

Verona, Palazzo della Gran Guardia
dal 28 ottobre 2015 al 13 marzo 2016

Orario apertura
Dal lunedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30
(la biglietteria chiude un’ora prima)
Aperture straordinarie
– 8 dicembre: orario regolare
– 24 dicembre: 9.30 – 17.30 (due ore prima del classico
orario di chiusura)
– 25 dicembre: 14.30 – 19.30
– 26 dicembre: orario regolare
– 31 dicembre: 9.30 – 17.30 (due ore prima del classico
orario di chiusura)
– 1 gennaio: 12.30 – 19.30
– 6 gennaio: orario regolare
Biglietti
Intero € 13,00 (audioguida inclusa)
Ridotto € 11,00 (audioguida inclusa)

Informazioni e prenotazioni
www.ilpostimpressionismoineuropa.it.
T+39 045 8538186

5 (100%) 1 vote

Autore

- Nata a Palermo nel 1993, si è laureata nel 2015 in Storia dell’Arte presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi incentrata sul ruolo della filosofia nell’interpretazione dei fenomeni di arte contemporanea. Nel 2013 ha intrapreso un percorso di didattica e comunicazione con il Museo Correr grazie al progetto Live on Art. Dal 2014 è membro dell’Associazione Lavanderia Young per la quale ha curato il ciclo espositivo AltrArte. Ha avuto modo di ampliare la sua conoscenza in ambito curatoriale lavorando per l’agenzia d’arte contemporanea ACAX a Budapest. Il suo obiettivo è riuscire a istituire una stretta connessione tra fattori storici e nuove forme di espressione artistica.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Colasanti
Il Ponte
Wannenes
Cambi |istituzionale
Bertolami | 10 sett
WopArt 2019