meeting art istituzionale
Pubblicato il: mar 23 Set 2014
Print Friendly and PDF

Le impossibili prospettive di Escher in mostra al Chiostro del Bramante

Maurits Cornelis Escher Occhio

Maurits Cornelis Escher
Occhio
1946  mezzatinta, 139 x 86 mm
Collezione privata
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

20 settembre 2014 – 22 febbraio 2015, Roma, Chiostro del Bramante

Il Chiostro del Bramante riapre con la mostra antologica (oltre 150 opere), curata da Marco Bussagli, dedicata all’incisore e grafico olandese Maurits Cornelis Escher (n. 1898 – m. 1972). Dopo un viaggio in Italia e Spagna, dove resta colpito dalla decorazione dei mosaici moreschi dell’Alhambra, l’artista si trasferisce a Roma nel 1923.

A Ravello, dove scrive: «Voglio trovare la felicità nelle piccole cose… copiare queste minuscole cose il più precisamente possibile», incontra la ricca svizzera Jetta Umiker, che sposa nel 1924. Si stabiliscono a Frascati per poi trasferirsi nel 1927 a Monteverde (via Poerio n. 122) in una palazzina tuttora esistente di cui disegna il pavimento. Nella capitale, dove la sua latente depressione è attenuata, entra in contatto con diverse personalità: Goedefridus Johannes Hoogewerff, che gli procura dei lavori e gli organizza mostre, lo storico dell’arte Adolfo Venturi e l’allievo di quest’ultimo: Federico Hermanin, funzionario alle Belle Arti.

Maurits Cornelis Escher Tropea

Maurits Cornelis Escher
Tropea, Calabria
1931 litografia 313 x 235 mm
Collezione Federico Giudiceandrea
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

La mostra inizia con la irresistibile attrazione di Escher per i paesaggi italiani: i tetti di Siena, Tropea, Castrovalva, Vitorchiano e i monti di Pentedattilo. Dello spazio ricerca le regole sottese, la geometria, e dagli anni ’30 si dedica ad architetture e prospettive: San Michele dei Frisoni, San Pietro e alcuni notturni della capitale.

Nel 1935, in seguito alla preoccupante ascesa del fascismo in Italia, si trasferisce in Svizzera dove esegue la sua celebre “Mano con sfera riflettente”, una delle sue stampe più famose. Un autorevole precedente è rintracciabile nell'”Autoritratto allo specchio convesso” (1523-24) del Parmigianino, con la mano del pittore in primo piano, probabile fonte di ispirazione per l’opera di Escher.

Maurits Cornelis Escher, Mano con sfera riflettente,

Maurits Cornelis Escher,
Mano con sfera riflettente,
1935, litografia 31×21,3 cm
M.C. Escher Foundation
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

Le sue prospettive curvilinee e le superfici specchianti sferiche o convesse rinviano alla pittura fiamminga, che amava rappresentare nello spazio piccolo di uno specchio quello di una intera sala, come nel Ritratto dei coniugi Arnolfini di Van Eyck (1434). Dopo il suo ritorno all’Alhambra (1936) l’incisore olandese – che scrisse: «I Mori erano maestri proprio nel riempire completamente superfici con un motivo sempre uguale» – si dedica alla tassellatura con oggetti e forme naturali, la cui esecuzione avveniva sulla base di regole precise: per es. tasselli adiacenti non potevano avere lo stesso colore.

Studiò i principi della Gestalt sulla percezione visiva e si dedicò alla decorazione con figure geometriche che ruotava, traslava e deformava suscitando l’interesse di matematici e cristallografi (come il suo fratellastro, professore di geologia). Provava un’autentica ammirazione per la regolarità geometrica, dietro le cose, la natura e i cristalli: «Nei principi fondamentali dei cristalli c’è qualcosa che toglie il fiato».

Maurits Cornelis Escher Casa di scale

Maurits Cornelis Escher
Casa di scale (Relatività)
1951 litografia cm 47,2 x 32,6
Collezione Federico Giudiceandrea
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

Senza fiato il visitatore rimane davanti all’effetto iperrealista della “Pozzanghera” (xilografia, 1952) e dei “Tre mondi” (litografia 1955), in cui è rappresentato il mondo sopra e sotto la superficie dell’acqua. Il suo gusto per il fantastico e l’evoluzione delle forme lo pone in rapporto con l’arte visionaria di Hieronymus Bosch, come in Metamorfosi II (1939-40 lungo quasi quattro metri) in cui le forme geometriche si animano diventando animali per poi trasformarsi in paesaggi e tornare ad essere linee. La critica si è spesso interrogata sulla presenza o meno di un significato nelle sue incisioni, come nel caso del suo “Occhio” (1946), nella cui pupilla è riflesso un teschio, forse un’allusione al destino incombente dell’uomo o alla tragedia della guerra da poco finita.

Maurits Cornelis Escher Pozzanghera

Maurits Cornelis Escher
Pozzanghera
1952 xilografia cm 24 x 31,9
Collezione Federico Giudiceandrea
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

Alla base dei suoi ‘oggetti impossibili’, dovuti ad intenzionali errori prospettici, c’è un’attenta osservazione di opere d’arte medievali, dove lo spazio è funzionale alla rappresentazione del sacro, non del vero. Nel “Belvedere” del 1958 la chiave di lettura dell’opera, vista dal basso e dall’alto, è il cubo di Necker (cubo impossibile del 1832 del cristallografo svizzero) che il personaggio seduto tiene in mano, la spiegazione è nel disegno sul pavimento dove sono indicati i due punti di paradosso del cubo, causa dell’ambiguità. Conosceva l’opera del grande incisore italiano Giovanni Battista Piranesi, di cui la mostra propone l’accostamento con “Capriccio di scale, arcate e capriate” (1761, acquaforte e bulino). Un ulteriore esperimento dell’artista olandese è quello dei volti ridotti a bucce, come Vincolo d’unione (1956), ritratto idealizzato dei coniugi Escher.

Maurits Cornelis Escher Belvedere

Maurits Cornelis Escher
Belvedere
maggio 1958 litografia, 462 x 295 mm
Collezione Federico Giudiceandrea
All M.C. Escher works © 2014 The M.C. Escher Company. All rights reserved www.mcescher.com

 

La mostra catturerà l’interesse dei più giovani anche per le occasioni di sperimentazione di effetti ottici e la possibilità di scattare artistici selfie. Del resto gli psichedelici mondi escheriani hanno già suggestionato le generazioni degli anni ’60 e ’70. Tale ammirazione però non fu mai apprezzata da Escher, che rifiutò persino ai Rolling Stones di eseguire o prestare un suo disegno per la copertina di un loro LP.

 __________________________________

INFO:

ESCHER
a cura di Marco Bussagli
20 Settembre 2014 – 22 Febbraio 2015
Chiostro del Bramante
Via della Pace, 00186 Roma

ORARIO APERTURA: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00
Sabato e domenica dalle 10.00 alle 21.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
BIGLIETTI: Intero € 13,00 (audioguida inclusa) – Ridotto € 11,00 (audioguida inclusa)
Ridotto bambini € 5,00 bambini da 4 a 11 anni non compiuti – Ridotto Scuole € 5,00
*Diritti di prenotazione e prevendita: € 1,50 per persona, Scolaresche € 1,00 per studente
LABORATORIO DIDATTICO: Per bambini da 4 a 11 anni

INFORMAZIONI – PRENOTAZIONI | T (+39) 06 916 508 451
Biglietteria online: Ticket.it/Escher
Informazioni didattica: didattica@arthemisia.it

4.6 (92.5%) 8 votes

Autore

- Arte, viaggi lettura/scrittura dipendente. Ha conseguito due lauree all'Università di Roma La Sapienza: Lettere (magistrale cum laude, indirizzo storia dell'arte, tesi in Iconografia e Iconologia) e Lingue e Civiltà Orientali (indirizzo indologico, tesi in Archeologia e Storia dell'arte dell'India e dell'Asia Centrale). Ha ultimato il Corso di Perfezionamento in New Media e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Roma di Tor Vergata (storia e tecnica del linguaggio cinematografico e videografico, cibernetico e multimediale; comunicazione e pubblicazione via rete; presentazione e composizione editoriale, teoria e tecnica della comunicazione di massa, organizzazione museale e new media; linguaggi ed evoluzione delle strategie di comunicazione in arte). Ha organizzato mostre ed eventi culturali.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Viscontea | 29 nov
Wannenes
Il Ponte
PANDOLFINI
Cambi Casa d'Aste
Lempertz | 7 dicembre