meeting art istituzionale
Pubblicato il: mer 19 Giu 2013
Print Friendly and PDF

THE DREAM OF EURASIA: evento collaterale alla Biennale Venezia

Lo spirito che permea il progetto è la volontà di mettere in luce l’attitudine allo scambio culturale che ha storicamente contraddistinto le civiltà mediterranee, considerando le differenze culturali valori costruiti da esperienze sviluppate sulla base di radici comuni: da migliaia di anni, si va stratificando una generosa e condivisa forma culturale ibrida, dove la cultura italiana del ‘saper fare’ è attitudine, elemento distintivo, creatività genetica.

Il progetto The Dream of Eurasia. 987 Testimonials. The Italian Attitude dell’artista Omar Galliani, a cura di Leonardo Rotatori, mostra questa Italian attitude, sia attraverso la realizzazione dell’opera monumentale The Dream of Eurasia, sia mostrando il metodo di questa realizzazione: si afferma così che appartengono alla ‘memoria genetica’ italiana sia la creatività, sia il processo pratico, che va dal sogno utopico della nascita dell’idea fino alla sua realizzazione.
Oltre a un’eccellenza in campo artistico, oggi l’Italia continua a dimostrare una specifica capacità ‘genetica’ di dialogare con i mezzi del commercio e della cosiddetta ‘cultura del fare’ che trova presupposto nel tessuto imprenditoriale italiano, con realtà imprenditoriali che, ora più che mai, costituiscono il portato della nostra cultura e rappresentano le possibilità di rinnovamento e progresso dell’Italia, permettendo ad aziende e singoli individui di intrattenere rapporti proficui con l’Oriente, continuando così a costruire, come da migliaia di anni, una contaminazione culturale generosa e condivisa.
Il progetto The Dream of Eurasia. 987 Testimonials. The Italian Attitude prevede un imponente programma (work in progress), mostrato attraverso la piattaforma venicebiennale-eurasia2013.org, che rende visibili gli aspetti fondamentali dell’evoluzione dell’opera di Omar Galliani “The Dream of Eurasia”, catalogando tutte le azioni necessarie alla realizzazione dell’idea, che prende vita dal lavoro quotidiano e si ricompone nelmondo globale della comunicazione.
L’intervento dell’artista Omar Galliani nel progetto The Dream of Eurasia. 987 Testimonials. The Italian Attitude è a cura di Leonardo Rotatori, come in precedenza per il progetto The Other Side of Russia, premiato nel 2011 con la medaglia d’oro dal Presidente Giorgio Napolitano.

L’artista Omar Galliani padroneggia una tecnica e un linguaggio che attingono dalla grande tradizione rinascimentale italiana, che usa in difesa e per conto del disegno italiano, gettando ideali ponti dal presente al passato e dal passato verso il futuro.
Non di meno, troviamo la capacità di instaurare un dialogo fra le culture europee ed asiatiche, in una vicendevole scoperta e intesa sul ruolo di catalizzatore dell’opera d’arte.
Infatti il suo talento è stato riconosciuto con insigni onorificenze in Italia e in Cina, quali il Cavalierato per le Arti e la Cultura, conferitogli nel 2009 dal Presidente Napolitano, e il primo premio alla Biennale di Pechino del 2003, come rappresentante dell’eccellenza del Disegno Italiano.
Il progetto è definito The Dream of Eurasia, perché vorrà raggiungere, con l’equilibrio fra differenti culture, la ‘nascita’ di una forma nuova e consapevole di un DNA ‘eurasiatico’ che, attraverso l’immagine di una radice comune, costruisce una catena genetica innestando 500 varianti, che assumono la funzione di monomeri (dal greco ‘una parte’, molecola in grado di combinarsi con altre molecole) o nucleotidi, quegli elementi che costituiscono il DNA.
L’ovale perfetto del viso di Eurasia, protagonista dell’opera di Galliani, rappresenta milioni di volti (la natura comune delle genti), ognuno diverso dall’altro, su cui si radica la colonna portante delle differenti culture, frutto di singole esperienze.
Il lasso temporale in cui si svilupperà l’azione è di circa due anni e nascerà a Venezia a partire dal 29 maggio 2013.
L’evoluzione del progetto viene mostrata secondo tre precise traiettorie, ognuna dipendente dalle altre e connessa in una logica di causa ed effetto.
L’attività di back office, definita The Italian Attitude, viene mostrata e condivisa attraverso una live performance, capace di stimolare la partecipazione attiva del singolo individuo, impegnata nel coinvolgimento di enti privati e istituzioni apparenti alla realtà italiana e nello stesso tempo verso più di 50 ambasciate dei paesi asiatici, quali:
Afghanistan, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaigian, Bahrain, Bangladesh, Bhutan, Birmania, Brunei, Cambogia, Cina, Cipro, Corea del Nord, Corea del Sud, Egitto, Filippine, Georgia, Giappone, Giordania, India, Indonesia, Iran, Iraq, Israele, Kazakistan, Kirghizistan, Kuwait, Laos, Libano, Malesia, Maldive, Mongolia, Nepal, Oman, Pakistan, Palestina, Qatar, Russia, Singapore, Siria, Sri Lanka, Tagikistan, Taiwan, Thailandia, Timor Est, Turchia, Turkmenistan, Uzbekistan, Vietnam, Yemen.
Attraverso la pubblicazione in tempo reale di documenti, video e foto sulla piattaforma venicebiennale-eurasia2013.
org mostreremo l’area del pensiero, della volontà e determinazione nel voler raggiungere l’obiettivo.

Materiali video e fotografici documenteranno la fase di condivisione con i naturali fruitori del messaggio e l’obiettivo di questa fase operativa sarà il coinvolgimento dei 987 testimonial asiatici e italiani, incontrati a Venezia e attraverso le attività social del team Mazzotta.
I 987 Testimonial saranno coinvolti nel programma, con una funzione attiva come ‘testimoni’ e soprattutto come collaboratori e consulenti, in un’impostazione open source.
Questo processo di lavoro diventa materiale pedagogico e permetterà di costruire un network sociale e culturale, che avrà l’onere di veicolare l’opera d’arte realizzata dal Maestro Omar Galliani che rappresenta un nuovo ‘genoma culturale euroasiatico’.
Il carattere divulgativo e partecipativo dell’installazione viene presentato nel suo corpus totale solo in maniera virtuale, dinamica e interattiva, dove sarà possibile visualizzare i 250 dittici (simbolicamente i polimeri o polinucleotidi, che compongono la catena del DNA) realizzati su tavola di legno, opere attraverso le quali l’artista tenta di ridisegnare il nuovo genoma culturale dell’uomo euroasiatico.
L’installazione prenderà vita con il contributo del territorio e verrà mostrata come work in progress virtuale, utilizzando come ‘monomeri’ o ‘nucleotidi’ le 500 tavole dell’opera The Dream of Eurasia e le immagini di tutti coloro che hanno partecipato al progetto.
Sarà proprio la rappresentazione delle differenze il soggetto e il focus del lavoro che si andrà a realizzare, generando un supporto visivo, fatto di unicità definite da infinite caratteristiche, in cui sarà visibile l’aspetto di comune base culturale.
Archivio di questa esperienza sarà il catalogo edito dalle Edizioni Gabriele Mazzotta, che verrà pubblicato entro il dicembre 2013, e che conterrà la memoria attraverso i testi, le immagini dell’artista al lavoro, gli scatti dei testimonial davanti alle opere e le riprese dell’allestimento.

Titolo: The Dream of Eurasia. 987 Testimonials | The Italian Attitude
Evento Collaterale della 55. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia
www.venicebiennale-eurasia2013.org
Artista: Omar Galliani
A cura di: Leonardo Rotatori, Omar Galliani
Sede:
Guest House – Palazzo Barbarigo Minotto, Fondamenta Duodo o Barbarigo, San Marco, 2504
Fermata: Linea 1 – Giglio, direzione Lido
Anteprima stampa: 31 maggio 2013
Date: 1 giugno – 30 settembre 2013
Orari: 14.00 – 18.00 (chiuso il martedì), ingresso libero
Pubblicazione: The Dream of Eurasia. 987 Testimonials | The Italian Attitude
Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano, verrà pubblicato a dicembre 2013
Informazioni:
T +39 392 3989949
info@eurasiadream.org
Follow us on Twitter, Facebook, Instagram, Youtube

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

WANNENES | ISTITUZ
Andrey Esionov
Bertolami Fine Arts
Artcurial | 27 marzo
Cambi |istituzionale
Miart 2019
genova | 14 luglio