meeting art 855 | 27 gen
Pubblicato il: gio 14 Feb 2019
Print Friendly and PDF

Tutto sulla XII Biennale di Shanghai. Intervista al curatore Cuauhtémoc Medina, dalle tradizioni al nuovo Pompidou cinese

Shanghai

*

Nata nel 1996, la Biennale di Shanghai è giunta alla sua dodicesima edizione, intitolata Progress e dedicata a indagare la maniera in cui gli artisti esprimono l’ambivalenza dell’epoca contemporanea. Abbiamo intervistato il curatore, il messicano Cuauhtémoc Medina, che ci ha illustrato il carattere di quella che è una delle più importanti manifestazioni artistiche dell’Estremo Oriente. La XII Biennale è in svolgimento fino al 10 marzo 2019.

A giudicare dal titolo della Biennale, sembra che la società contemporanea si muova all’interno di una contraddizione: pur protendendosi spasmodicamente verso il futuro, in molti casi registra dei veri e propri salti all’indietro, annullando anni di progresso civile. Quale pensa possa essere il ruolo dell’arte, per poter avere un rapporto equilibrato con il futuro?

Uno dei motivi per cui i nostri dilemmi storici sono enunciati e pensati attraverso l’arte è perché noi, in quanto cittadini, non abbiamo una risposta adeguata a spiegarne la portata e a trovare soluzioni. Sarebbe infatti pretenzioso pensare di poter avere soluzioni per un processo sociale globale che coinvolge milioni di individui e una miriade di strutture di potere. In effetti, sarebbe eccessivo richiedere agli artisti di fornirci soluzioni ai problemi del mondo, in un momento in cui non chiediamo nemmeno ai politici di risolvere questi problemi. L’arte come modo critico di conoscenza intellettuale e sensibile, come la conosciamo, sembra essere più importante in termini di esplorazione della condizione della nostra soggettività e del mondo, piuttosto che cercare di trovare un equilibrio tra diversi moti e forze.

È anche lei dell’opinione che la conoscenza del passato, e il mantenimento di certi pilastri imprescindibili, sia una condizione necessaria per il progresso civile, e quindi anche artistico?

Prendere posizione sulla questione della tradizione e dell’identità non è necessariamente un problema significativo per la mia pratica di curatore, dal momento che la criticità e la curiosità sono molto più importanti per svolgere il mestiere. Detto questo, e comprendendo che le mie posizioni a questo riguardo potrebbero essere irrilevanti, devo dire che c’è un frammento nei Quaderni del carcere di Antonio Gramsci che trovo molto rilevanti a questo riguardo: quello in cui suggerisce di prendere in considerazione ciò che descrive come “lo spirito dello Stato” in termini dell’obbligo che non abbiamo verso la tradizione, che è sempre reazionaria, ma nei confronti delle posizioni e le preoccupazioni delle persone di almeno due generazioni precedenti, e, inoltre, verso l’interesse di coloro che non possono ancora definire la propria partecipazione, i bambini in particolare.

Sono stupito di questa definizione di un orizzonte di responsabilità che comprende generazioni non più presenti, ma che comunque concorrono indirettamente a definire i nostri atteggiamenti, e quelle generazioni che ancora non prendono parte al dibattito, ma che in qualche modo sono coinvolti nel flusso del nostro presente; ciò è entusiasmante, e costruisce una relazione attiva tra “il passato e il presente” che rifiuta ogni particolarismo di identità e “radici”.

Le radici del passato, in Cina, sono principalmente rappresentate dal Confucianesimo. Crede che rappresentino ancora una parte importante della coscienza civile del popolo cinese?

Negli ultimi anni, dopo aver cercato di sradicare la tradizione e il rispetto per le strutture sociali rappresentate dal confucianesimo, il governo della Repubblica popolare cinese ha deciso di riabilitare le antiche filosofie cinesi come parte integrante del tentativo di definire una cultura dell’armonia per il futuro. In questo senso, deve svolgere un ruolo di un certo tipo, anche in relazione alla decisione di nominare le istituzioni che esportano cultura e lingua cinese nel mondo “Confucio Institute”.

Immagino che solo gli studiosi specializzati nello studio dei costumi della società cinese potrebbero esplorare le ragioni per cui improvvisamente il confucianesimo è diventato parte dell’ideologia ufficiale della Cina contemporanea e in che misura gli Aforismi siano veramente parte della vita del Paese. Non sono riuscito a fare esperienza diretta: non ho mai incontrato nessuno che citasse Confucio per cercare di spiegarmi qualcosa. Forse sono stato sfortunato.

shanghai

Cuauhtemoc Medina, curatore della XII BIennale di Shanghai © Irene Barajas

Shanghai è una grande metropoli asiatica, ma con una ruolo importante nel mondo, soprattutto da un punto di vista finanziario. Quali strategie adotta la Biennale per farne anche una capitale culturale?

La Biennale fa parte dell’offerta di Shanghai per essere una grande capitale culturale in Asia e nel mondo. In sostanza, uno dei ruoli delle biennali sia nel Nord sia nel Sud è quello di produrre una centralità temporanea: la pretesa di avere una mostra che definisca ciò che la cultura contemporanea è oggi. Oltre a ciò, che si applica anche alla Biennale dell’Avana o a Gwanju, è evidente che l’accumulo di strutture artistiche a Shanghai, per lo più private ma anche con alcune partnership internazionali, fanno della città uno dei centri più importanti della circolazione artistica a livello globale.

Il ruolo della Biennale di Shanghai è quello di garantire che tale “accumulo” di mostre e il passaggio di opere d’arte portino un momento di riflessione critica e un certo standard di qualità. In questo senso, le strategie della Biennale riguardano l’apertura di uno spazio per la riflessione critica, in un luogo dove non solo ci sono certi limiti di espressione, ma anche un mondo dell’arte dominato dalle operazioni promozionali del mercato e dagli obiettivi della visibilità di collezionisti, insieme al desiderio di cultura cosmopolita di un pubblico significativo.

Si sta attivamente lavorando alla costruzione del West Bund, o Xuhui District, che fra l’altro ospiterà anche la sede cinese del Centre Pompidou. Crede che questo possa aiutare la città a diventare una delle nuovi capitali culturali?

Come con qualsiasi altra istituzione culturale, il contributo che si può dare allo splendore della vita culturale di un certo ambiente dipende dal significato intrinseco dell’arte esposta, dai valori critici delle argomentazioni e, in generale, dal significato della cultura che si sta promuovendo. Sono stupito dal modo in cui diverse istituzioni metropolitane come il Centro Pompidou stanno cercando oggi di diventare franchising transnazionali.

Non ho modo di prevedere quali saranno gli effetti di tale espansione, e consiglierei di non avere pregiudizi positivi o negativi a riguardo. L’invenzione del museo transnazionale, che il Guggenheim ha annunciato alla fine degli anni Novanta, ha portato l’idea di utilizzare i musei per riprogettare le città postindustriali in centri turistici e ha anche promosso un concetto dubbio di arte globale, che viene trasferito senza la vivacità dei gruppi di esperti e appassionati che i musei erano soliti creare. Spero che questo non sia il caso del Pompidou. Ma ho imparato, come storico, a non fare mai previsioni di alcun tipo.

L’arte asiatica è in forte crescita. Cosa sta facendo la Biennale per supportare questo processo?

Certamente, le Biennali d’arte asiatiche rappresentano una grande piattaforma per artisti e partecipanti ai circuiti artistici della regione. Si può capire quanto gli artisti siano interessati alla visibilità semplicemente notando lo sforzo che hanno posto nella loro partecipazione. Come in altre aree geografiche, le mostre e le biennali dei musei sono ancora fondamentali per garantire al loro lavoro una convalida intellettuale e critica, che il mercato o le mostre nei musei privati, dato il loro carattere promozionale, non possono portare.

Oltre a ciò, la Biennale di Shanghai chiede ai curatori di includere almeno un terzo degli artisti della Grande Cina, tra cui Taiwan, Hong Kong e Singapore. Ciò costringe quei curatori, come me, a fare una ricerca significativa in Cina e a conoscere artisti con i quali, sono sicuro, farò progetti in futuro. Introduce anche una prospettiva diversa che può cambiare, o almeno sfidare, il cannone locale e di mercato. Con un po’ di fortuna fornisce un contrappeso alle forze dominanti in gioco nella regione. Tutto ciò è ancora un motivo significativo, per cui l’interferenza della visione di un curatore, anche straniera, appare a tutti noi un elemento che porta un certo dinamismo, che impedisce o interrompe le strutture interne che così facilmente possono diventare routine.

Si è pensato ad avviare collaborazioni fra la Biennale e le nuove realtà culturali che si trovano in città?

Sono certo che un’istituzione così dinamica e riflessiva come la Power Station of Art, impegnata a costruire un’arena critica per l’arte a Shanghai, proverà a intervenire nel nuovo tessuto artistico che sta crescendo.

Shanghai

Amalia Pica, Yerkish, 2018

Informazioni utili

Biennale di Shanghai | Progress

Fino al 10 marzo 2019

http://shanghaibiennale.org/en/

*Nella prima immagine: Fernando Sánchez Castillo, Swing, 2018, bronze 4.3 x 4 x 1.2 m, installation view, 12th Shanghai Biennale, Power Station of Art, Shanghai. Courtesy: 12th Shanghai Biennale

Valuta

Autore

- Laureato in Studi Internazionali, è saggista di storia militare, critico d’arte, di teatro e di jazz per alcune riviste di settore. Svolge anche attività di curatore indipendente


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
Andrey Esionov
WANNENES | ISTITUZ
Modenantiquaria
Artcurial | 28 feb
Il Ponte | 22 feb
PANDOLFINI | 26 FEBBRAIO
Cambi Casa d'Aste