meeting art istituzionale
Pubblicato il: lun 14 Gen 2019
Print Friendly and PDF

Spoleto, Carandente, Leoncillo. Intervista a Marco Tonelli, nuovo direttore di Palazzo Collicola

Marco Tonelli

Marco Tonelli

Riallestire la collezione permanente, omaggiando il fondatore Giovanni Carandente nel decennale della morte. Primi progetti espositivi? Legati al Festival dei Due Mondi e alla figura di Sol Lewitt

I miei primi programmi? Inizierò con la valorizzazione della collezione permanente, che negli ultimi anni è stata un po’ trascurata: intendo progettare un riallestimento in spazi diversi da quelli attuali, alquanto defilati, strutturandola per nuclei tematici”. Ha le idee già molto chiare, Marco Tonelli, appena annunciato come nuovo direttore della Galleria Civica d’arte moderna di Spoleto a Palazzo Collicola, dove succederà a Gianluca Marziani, che la guidava da quasi 10 anni. “Il museo ha una raccolta di grande valore, con sezioni focalizzate su grandi eventi che hanno caratterizzato la città, dal Premio Spoleto alla grande kermesse di scultura Spoleto 62”, puntualizza il neodirettore, che presto racconterà i suoi progetti con un’approfondita intervista ad ArtsLife. “Voglio che quando i visitatori incontrano opere – per fare qualche esempio – di Alexander Calder, di Beverly Pepper, di Richard Serra, trovino un allestimento che fornisca loro una contestualizzazione, un quadro chiaro e fruibile che renda la visita agevole ed appagante”. Si metterà al lavoro fin da subito, Tonelli, intenzionato ad imprimere un’impronta strutturale alla galleria: “Quest’anno cadrà il decennale dalla morte di Giovanni Carandente, che intendo omaggiare anche con una pubblicazione che ne ricostruisca il percorso personale e critico. Altro progetto a cui tengo particolarmente è la digitalizzazione dell’archivio Leoncillo, favorita anche dagli ottimi rapporti con gli eredi del grande artista. Insomma vorrei che Palazzo Collicola fosse percepito come un contenitore che ha al suo interno un vero e proprio museo di arte moderna e contemporanea, una biblioteca con l’archivio Leoncillo, una Pinacoteca al Piano Nobile e uno spazio di mostre temporanee”.

Palazzo Collicola, a Spoleto

Palazzo Collicola, a Spoleto

Come nasce questo rapporto con Spoleto? “Fra il 2006 e il 2008 proprio Carandente, con cui avevo un ottimo rapporto, mi chiamò a collaborare per le schede della collezione, e lavorai a mostre dedicate a Pino Pascali, Maurizio Mochetti e allo stesso Leoncillo”, ricorda il critico. “In seguito mi sono molto dedicato alla valorizzazione di questo artista che era nativo di Spoleto, con mostre presso il Museo di Montelupo Fiorentino e collaborando a quella ora in corso alla Galleria dello Scudo di Verona. Ho poi trascritto e pubblicato, in questa occasione, il ‘Piccolo diario’, interessante scritto di Leoncillo. Proprio la volontà della nuova amministrazione della città umbra di rilanciarne la figura credo sia stata importante per la mia chiamata alla direzione del museo, ruolo per il quale cercavano una figura nuova, che rivedesse l’approccio a questi temi”. Primi programmi? “Saremo molto impegnati con opere strutturali, fra cui alcuni indispensabili restauri: ma ho già in mente alcuni progetti espositivi, che possano legarsi anche al Festival dei Due Mondi, e uno alla figura di Sol Lewitt, artista che a Spoleto ha vissuto per lunghi periodi della sua vita…”.

Massimo Mattioli

5 (100%) 2 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

genova | 14 luglio
Artcurial | 27 marzo
Cambi |istituzionale
Miart 2019
Bertolami Fine Arts
WANNENES | ISTITUZ
Andrey Esionov