meeting art 855 | 27 gen
Pubblicato il: lun 07 Gen 2019
Print Friendly and PDF

Canaletto a Venezia. Un grandioso ritorno a febbraio. In arrivo la mostra a Palazzo Ducale

Canaletto Molo versoo Ovest (1736 circa) Foto di repertorio ArtsLife

Canaletto
Molo versoo Ovest (1736 circa)
Foto di repertorio ArtsLife

Il Settecento veneziano, le sue luci e le sue ombre. E il suo protagonista assoluto: Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto.

Canaletto e Venezia. Solo il titolo della prossima mostra che aprirà i battenti il 23 febbraio nelle preziose sale del Palazzo Ducale, evoca istantaneamente le celebri vedute sul Canal Grande che hanno reso celebre l’artista in tutta Europa e che forse ancora oggi sono le uniche in grado di restituire l’ineguagliabile luce di Venezia.

Quella luce, quelle ombre e quei colori chiari ai quali Giovanni Antonio Canal (Venezia 1697 – 1768) arriverà dopo anni di sperimentazioni, seguite alla sua esperienza giovanile come scenografo agli ordini del padre e  al suo viaggio a Roma nel 1719 dove si dedicò al genere del ‘capriccio archeologico’. Rappresentazioni di Venezia che non erano ‘cartoline’  ma splendidi ‘inganni’ celati da un virtuosismo tecnico con pochi precedenti: le architetture e le scene rappresentate infatti, non erano riproduzioni autentiche di quanto osservava nella realtà ma frutto di una sua personale visione della mente e del cuore. Quello che appare così classico e fotografico ai nostri occhi contemporanei era in realtà un’autentica rivoluzione. Del resto, il Settecento sarà un secolo di grandi cambiamenti non solo nella storia delle idee ma anche nel linguaggio dell’arte.

Veduta del ponte di Rialto da nord

Canaletto
Veduta del Ponte di Rialto da Nord, 1738 circa -rtorio ArtsLife)

Non conosciamo ancora l’elenco delle opere in mostra ma dalla nota curatoriale  è evidente che il percorso espositivo si snoderà proprio intorno alle eccellenze del Settecento veneziano nel campo della pittura, della scultura, delle arti decorative e dei loro contributi  in quel secolo di grandi trasformazioni:

“La mostra parte dall’affacciarsi nei primi anni di una nuova forma artistica, che rompe i legami con il rigore del Classicismo e con la teatralità del Barocco, mentre il colore prende il sopravvento sul disegno. Luca Carlevarijs pone le basi del vedutismo veneziano, Rosalba Carrera rinnova l’arte del ritratto. Due giovani coetanei dipingono opere in cui la luce acquista valenza fondante, costitutiva: Giambattista Tiepolo con pennellate aggressive in composizioni dinamiche, Canaletto nella pittura di vedute, lo stile di entrambi si farà poi più controllato e nitido. Il viaggio prosegue con la pittura di costume di Pietro Longhi, l’esplosione del vedutismo, la pittura di storia e quella di paesaggio, il capriccio. E la grande stagione dell’incisione, che diversi sperimentano, e di Giambattista Piranesi. Il racconto di questo secolo è anche quello della presenza europea della Serenissima e del viaggiare dei suoi artisti. Mentre anche l’arte vetraria di Murano vive i suoi fasti, con l’oreficeria e la manifattura di porcellane. Protagonisti di fine secolo sono Francesco Guardi e Giandomenico Tiepolo, figlio di Giambattista. Nelle vedute di Guardi il linguaggio pittorico, tremolante e allusivo, lontano dalle solari certezze di Canaletto, sembra evocare una Venezia in disfacimento, mentre il tempo del vivere felice e aristocratico lascia il posto a un popolo di irriverenti Pulcinella, dove tutti sono liberi e uguali, e sullo sfondo la rivoluzione infiamma la Francia. Il secolo dei lumi, e il percorso espositivo, si chiude con l’affermarsi del Neoclassicismo, su tutti giganteggia Antonio Canova.”

Del resto ogni piccola o grande rivoluzione necessita di un terreno fertile sul quale germinare e proprio questo fermento di idee sarà lo stimolante contesto nel quale il Canaletto si troverà ad operare, enfatizzato dalle sue esperienze a Roma e poi a Londra.  Il suo genio pittorico rivoluzionerà il genere della veduta, ritenuto fino ad allora secondario, sublimandolo a quello della veduta di storia e di figura.  Non esisteva ambasciatore straniero o turista del Gran Tour che non desiderasse possedere una delle sue rappresentazioni della vita quotidiana di Venezia: ” Vi si vede lucer entro il sole” affermavano.

Informazioni

CANALETTO E VENEZIA

Dal 23 febbraio al 9 giugno 2019

Venezia, Palazzo Ducale – Appartamento del Doge

A cura di Alberto Craievich . Con la collaborazione di RMN – Grand Palais, Parigi

Biglietti:

Offerta biglietto ‘Open’  alla tariffa unica di 8 euro  per chi prenota on line entro il 22 febbraio 2019

Orario:

dal 1 aprile al 31 ottobre 8.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.00)

dal 1 novembre al 31 marzo 8.30 – 17.30 (ingresso consentito fino alle 16.30)

 

 

4.1 (82.5%) 40 votes

Autore

Commenta con Facebook

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Mario Bailo ha detto:

    Vorrei essere aggiornato sulle manifestazioni culturali/artistiche in programma.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Bertolami Fine Arts
Modenantiquaria
Brafa | 26 gen
WANNENES | ISTITUZ
Artcurial
Bertolami | 27 gen
Andrey Esionov
Il Ponte | 22 gen
Cambi Casa d'Aste