Meeting Art
Pubblicato il: lun 03 Dic 2018
Print Friendly and PDF

Bellezza eterna impressa nell’affiche. Alphonse Mucha in mostra a Bologna

Alphonse Mucha | Gismonda

Alphonse Mucha | Gismonda

Alphonse Mucha e la sua Art Nouveau in mostra a Bologna. La retrospettiva sull’opera dell’artista ceco sarà in esposizione a Palazzo Pallavicini dal 29 settembre al 20 gennaio.

Il primo giorno dell’anno 1895 sui cartelloni di Parigi apparve un manifesto insolito. Una donna, un’attrice, dall’elegante forma allungata, domina una composizione armoniosa dai toni pallidi. La scena è ricca di fiori e decorazioni che raccolgono la bellezza esuberante ma controllata del soggetto: Sarah Bernhardt. È la più grande attrice francese del periodo e dal poster rimane completamente estasiata. Sembra ancora più incantevole incastonata tra le curve dolci e sinuose di un’immagine sublime, semplice ma ricca di dettagli. Le potenzialità comunicative del manifesto sono tali da portare la “divina Sarah” a cercare e trovare l’artista che lo ha realizzato. Così Alphonse Mucha guadagnerà un contratto come scenografo e costumista di scena, oltre alla possibilità di disegnare i manifesti teatrali per tutte le rappresentazioni dell’attrice.

Alphonse Mucha | Reviere, copyright(c) 2018 Mucha Trust

Alphonse Mucha | Reviere, copyright(c) 2018 Mucha Trust

Dopo il primo grande successo di Gismonda, seguiranno infatti altri sei manifesti, tra cui La dama delle camelie (1896), Lorenzaccio (1896) e La Samaritana (1897). I colori pastello, le splendide donne, gli intrecci visivi ora complessi ora immediati, rendono Mucha un artista incline a veicolare messaggi commerciali tramite i suoi disegni. Continuando per la prima sezione della mostra, Donne – Icone e Muse, troviamo proprio testimonianza della versatilità di Mucha, perfettamente espressa nei manifesti per marche famose come JOB (carta per sigarette), Lefèvre-Utile (biscotti) e Waverley (biciclette americane).

Alphonse Mucha | La signora delle camelie

Alphonse Mucha | La signora delle camelie

Alphonse Mucha | La danza

Alphonse Mucha | La danza

Questi scivolamenti pubblicitari non devono essere intesi come una volgarizzazione della sua arte, ma piuttosto come una cassa di risonanza per gli ideali che ispiravano la mano di Mucha. Nel tumulto rivoluzionario del modernismo il concetto di bellezza e di arte tremavano sotto i colpi della massificazione monocorde, dilagante nell’appiattimento culturale. L’artista ceco si affida allora alla tradizione folcloristica della sua tradizione e ne astrae due tratti che poi rielaborerà: la donna e i fiori. Mucha eleverà questi due figure a simboli di bellezza ed eleganza, combinandole in soluzioni sempre diverse ma altrettanto riconoscibili e riconducibili alla sua grafia stilistica.

“Sono stato felice di essere coinvolto in una forma d’arte destinata alla gente e non ai soli salotti eleganti. Arte poco costosa, accessibile al grande pubblico e che ha trovato dimora nelle abitazioni più povere così come nei circoli più influenti”

I manifesti pubblicitari diventano complici coscienti di un nuovo linguaggio comunicativo, le cui intuizioni ed evoluzioni riempiono la seconda parte dell’esposizione, Le Style Mucha – Un Linguaggio Visivo.

Alphonse Mucha | Epopea Slava

Alphonse Mucha | Epopea Slava

L’idea di comunione totale tra immagine e messaggio veicolato, quella di una rapidità di fruizione che non pregiudicasse lo spessore morale dell’opera, sono sintomi che portano Mucha ad allargare sempre più la spinta verso un’arte universale. Bellezza – Il potere dell’ispirazione chiude il percorso espositivo raccontando il sogno dell’artista di impegnarsi in maniera sempre più attivamente per la libertà politica del suo paese. Lo style Mucha conduce il suo messaggio fino agli spazi ideali della politica e dello spirito nazionale, ne ispira e rafforza i principi. Epopea Slava e le decorazioni per il nuovo Municipio di Praga rappresentano il culmine di un percorso artistico che testimonia una volta di più come l’arte possa rinnovare i popoli e rivelarne la vita.

Il link del sito ufficiale di Palazzo Pallavicini per ulteriori informazioni.

Valuta

Autore

- Classe 78. Laureato in Scienze dei Beni Culturali all'Università degli Studi di Milano


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Cambi
WANNENES
Brafa
Mirco Cattai Fineart&Antiquerugs
Il Ponte
Maison Bibelot
Eberhard
Pandolfini
Artcurial
Cambi