Meeting Art
Pubblicato il: gio 11 Ott 2018
Print Friendly and PDF

20 opere di Salvo in mostra (e in asta) da Cambi a Milano

Lotto 180533 Salvo (1947-2015) Paesaggio, 1988 olio su tela, cm 200x150 firmato e datato al retro Autentica su fotografia dell’artista Stima € 40.000-60.000

Lotto 180533
Salvo (1947-2015)
Paesaggio, 1988
olio su tela, cm 200×150 firmato e datato al retro. Autentica su fotografia dell’artista
Stima € 40.000-60.000

Il mondo dell’artista torinese Salvo (1947-2015) è fatto di colori e forme originali. I suoi paesaggi astratti, dai colori cangianti, le nevicate o i notturni, vanno oltre l’astrattismo o la figurazione.

Partito dall’arte povera e concettuale,  elaborò nell’austera Torino,  la sua visione personale.  Ora una piccola mostra di una ventina di opere sarà a Milano negli spazi della casa d’aste  Cambi. Le opere, che saranno esposte dal 12 al 19 ottobre, sono di proprietà di Pinotto Marelli, collezionista e amico del pittore.

Giuseppe Marelli, detto Pinotto, nasce a Genova, terzo ed ultimogenito di un brillante architetto, non ha però alcuna intenzione di seguire le orme del padre e coltiva fin da subito la sua passione per il mondo sartoriale.
Il destino lo porta ad incontrare lo storico imprenditore Carlo Frua De Angeli, che diventa per lui fonte di ispirazione e apprendimento, in ambito professionale e artistico. Colpito dalla sua importante collezione europea del Novecento moderno, diventa infatti anch’egli un giovane e appassionato collezionista. Marelli lavora alla Cerutti per oltre 30 anni, contribuendo in
maniera cruciale alla visibilità e alla crescita del marchio nel mondo. Insieme ad Armani crea gli abiti che negli anni ‘80 faranno la grande fortuna dell’azienda, creando capi indossati dalle più importanti star maschili di Hollywood di quegli anni.

Salvo

Pinotto Marelli

Durante la sua ascesa professionale Pinotto Marelli continua a collezionare arte contemporanea, allacciando rapporti con molti artisti famosi a livello internazionale. Da Fontana a Christo, la sua dimora milanese di allora era ricca di opere d’arte di artisti un tempo in ascesa ed ora ampiamente affermati. Si innamora dei paesaggi del giovane artista torinese Salvo, del quale acquista diverse opere, di cui diventa amico e che sponsorizza organizzandogli una mostra personale a Cortina.

Lotto 180541 Salvo (1947-2015) La valle, 1998 olio su tela, cm 100x150 firmato ed intitolato al retro Autentica su fotografia dell’artista Stima € 20.000-30.000

Lotto 180541
Salvo (1947-2015)
La valle, 1998
olio su tela, cm 100×150
firmato ed intitolato al retro
Autentica su fotografia dell’artista
Stima € 20.000-30.000

Salvo è maestro, nella sua arte, per la capacità evocativa, contemplativa, ma anche giocosa, scherzosa. Nel suo spazio pittorico e mentale non c’è presenza umana, così come avviene spesso nelle piazze di De Chirico, suo grande maestro e ispiratore. Salvo è stato esploratore di luoghi, viaggiatore instancabile; i suoi ricordi eccoli qui, nella pittura, riportati in colori e forme sulla tela, filtrati dal diario della sua mente e del suo cuore.

Lotto 180532 Salvo (1947-2015) La valle, 1992 cm 150x200 firmato, intitolato e datato al retro Autentica su fotografia dell’artista Stima € 30.000-40.000

Lotto 180532
Salvo (1947-2015)
La valle, 1992
cm 150×200
firmato, intitolato e datato al retro
Autentica su fotografia dell’artista
Stima € 30.000-40.000

L’esposizione sarà aperta con orario 9.00-13.00 e 14.00-18.00 negli eleganti e curati spazi di Via San Marco 22 a Milano. Le 20 opere di Salvo saranno poi battute in asta martedì 4 dicembre durante il secondo appuntamento annuale di Cambi dedicato all’Arte Moderna e Contemporanea.

 

SFOGLIA IL CATALOGO 

5 (100%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Il Ponte
WANNENES
Artcurial
Colasanti Casa d'Aste
Cambi Casa d'Aste
Aste Boetto
Gotha
Il Ponte
Eberhard
Pandolfini