meeting art
Pubblicato il: dom 16 Set 2018
Print Friendly and PDF

Im-perfection: la libertà e la bellezza dell’imperfetto. Mwangi Hutter a Milano

Mwangi Hutter; IM-PERFECTION

Mwangi Hutter, Viewing a point, 2016, 6 c-prints, each 43cm x 33 m

“Il mio incontro con il lavoro di Mwangi Hutter è stato un colpo di fulmine; mi ha attraversata con una scossa, potente e immediata, che non ha avuto bisogno di filtri, di un riconoscimento.”

Queste le parole con cui Elena Korzhenevich, curatrice della mostra IM-PERFECTION, descrive il lavoro  del gruppo artistico Mwangi Hutter, esposto dal 18 settembre al 2 novembre 2018 negli spazi della C-Gallery a Milano.

In un’epoca che ha fatto della ricerca della perfezione un’ossessione, che nutre la fiera delle vanità collettiva impedendo di mettere a fuoco la propria vita, gli altri ed il mondo, IM-PERFECTION fa cadere questo velo, ricalibrando lo sguardo, spostando l’attenzione sulla parte dell’io meno accettata, scoprendo la bellezza dell’imperfezione.

Mwangi Hutter; IM-PERFECTION

Mwangi Hutter, most beautiful dream I´m dreaming, 2018, acrylic on canvas, 140 x 100cm

Nel XIV° secolo, in Giappone, la filosofia Wabi Sabi riassumeva questa idea in tre semplici realtà: Nulla è perfetto; Nulla è completo; Nulla è permanente. Proprio queste tre affermazioni diventano le chiavi di lettura e le guide attraverso le opere di IM-PERFECTION.

“La loro è una ricerca profonda e unicamente umana: la costante dualità e fluidità di vita e morte, maschile e femminile, bianco e nero, movimento e immobilità, esterno e interno, ying e yang. Una danza esistenziale, meravigliosamente coreografata, alla ricerca di una libertà assoluta”

Mwangi Hutter; IM-PERFECTION

Mwangi Hutter, the roar of unspoken voices, 2018, acrylic on canvas, 140 x 100cm

Le opere intrecciano un movimento perpetuo tra diverse identità, attraverso una continua contaminazione e mutazione. E hanno il coraggio di mettersi costantemente in discussione. I lavori di Mwangi Hutter dialogano con quelli di altri quattro artisti in una danza, uno scambio, una conversazione tra opere che riflettono su imperfezione, incompletezza e impermanenza, condizioni che ci rendono, tutti, perfettamente umani.

Vincent Witomski; IM-PERFECTIOn

Vincent Witomski, Untitled, 2018, oil on paper, 42 x 29,5cm

Lerato Shadi, IM-PERFECTION

Lerato Shadi, Tlhogo, 2010-2018, performance relic (still), 100 x 140 cm

Im-perfection: la libertà e la bellezza dell’imperfetto. Mwangi Hutter a Milano

4 (80%) 1 vote

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Colasanti Casa dA'Aste
Brafa
WANNENES
Eberhard
Arte Padova 2018
Blindarte
Il Ponte
Cambi
Maison Bibelot