meeting art
Pubblicato il: mer 25 Lug 2018
Print Friendly and PDF

Venezia 75: ecco i film in concorso alla Mostra del Cinema 2018

Venezia 75: ecco i film in concorso che si contenderanno il Leone d’Oro e le anteprime mondiali della Mostra.

La 75^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia -che si svolgerà dal 29 agosto all’8 settembre 2018- annuncia oggi, 25 luglio,  tutti i titoli in concorso. In arrivo la lista di film che si contenderanno il 75esimo Leone d’Oro.

Il presidente della Biennale di Venezia Paolo Baratta e dal direttore del settore Cinema Alberto Barbera hanno annunciato tutti i titoli delle varie sezioni, i più attesi erano ovviamente quelli del concorso principali. Dopo l’annuncio nei giorni scorsi di alcuni titoli che saranno proiettati in anteprima mondiale al Lido – A Star Is Born con Lady Gaga, Suspiria di Guadagnino e il nuovo film di Demian Chazelle (La La Land), Il primo uomo- ora è disponibile l’elenco completo.

SHADOW di Zhang Yimou - nella foto Deng Chao & Sun Li

Shadow di Zhang Yimou – nella foto Deng Chao & Sun Li

In concorso 21 film, di cui tre italiani. Quest’anno i nomi in gara fanno pregustare un concorso di livello altissimo. Ci sono Audiard (Il Profeta, Dheepan), i fratelli Coen (Ave! Cesare, Fargo, L’uomo che non c’era), Assayas (Personal Shopper).  In concorso anche Mike Leigh con il suo nuovo film Peterloo: Un ritratto epico degli eventi legati ai fatti di Peterloo, quando nel 1819 un pacifico raduno pro-democrazia riunitosi presso St Peter’s Fields a Manchester si trasforma in uno degli episodi più sanguinosi e tristemente noti della storia britannica.
A portare uno sguardo cinematografico sull’arte ci penserà Julian Schnabel (Prima che sia notte, Lo scafandro e la farfalla) portando sul grande schermo, in concorso, gli ultimi, tormentati anni di Vincent Van Gogh. Ad interpretare l’irrequieto pittore olandese in Vincent van Gogh – At Eternity’s Gateun un sorprendente Willem Dafoe.

Torna anche, fuori concorso, Zhang Yimou, il regista di Sorgo Rossso, Lanterne Rosse e Hero, già due volte Leone d’Oro (con La storia di Qiu JuNon uno di meno): “Shadow, ambientato nel periodo storico dei Tre Regni, Shadow racconta la storia di un grande re, deciso a riconquistare la terra che gli è stata tolta. Un sovrano ambizioso, ma dai metodi misteriosi. Il suo grande generale è un visionario mosso dall’unico desiderio di vincere la battaglia finale, ma costretto a tessere i suoi piani in gran segreto. Le donne del palazzo sono figure tragiche, strette tra l’essere venerate come dee e trattate come pedine. E poi c’è l’uomo comune, attorno a cui si agitano inesorabili le forze della storia, sempre pronte ad inghiottirlo“.

Quest’anno il presidente della giura è Guillermo del Toro.

suspiria-guadagnino

Suspiria, il remake di Guadagnino

Concorso Venezia 75
Il primo uomo (First Man), regia di Damien Chazelle (Stati Uniti d’America) – film d’apertura
The Mountain, regia di Rick Alverson
Doubles Vies, regia di Olivier Assayas
The Sisters Brothers, regia di Jacques Audiard
The Ballad of Buster Scruggs, regia di Joel e Etan Coen
Vox Lux, regia di Brady Corbet
Roma di Alfons, regia o Cuarón
22 July, regia di Paul Greengrass
Suspiria, regia di Luca Guadagnino
Werk Ohne Autor (Opera senza autore), regia di Florian Henckel von Donnersmarck
The Nightingale, regia di Jennifer Kent
The Favourite, regia di Yorgos Lanthimos
Peterloo, regia di Mike Leigh
Capri-Revolution, regia di Mario Martone
What You Gonna Do When the World’s On Fire, regia di Roberto Minervini
Napszállta (Sunset), regia di László Nemes
Frères Ennemis, regia di David Oelhoffen
Nuestro Tiempo, regia di Carlos Reygadas
At Eternity’s Gate, regia di Julian Schnabel
Acusada, regia di Gonzalo Tobal
Zan (Killing), regia di Shin’ya Tsukamoto

Fuori concorso
A Star Is Born, regia di Bradley Cooper (Stati Uniti d’America)

A Star Is Born, regia di Bradley Cooper

A Star Is Born con Lady Gaga, regia di Bradley Cooper

Sezioni autonome e parallele
Settimana Internazionale della Critica
The Roundup, regia di Hajooj Kuka (Sudan, Sudafrica, Qatar, Germania)
Adam & Evelyne, regia di Andreas Goldstein (Germania)
Blonde Animals, regia di Alexia Walther e Maxime Matray (Francia)
Still Recording, regia di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub (Siria, Libano, Qatar, Francia)
M, regia di Anna Eriksson (Finlandia)
Saremo giovani e bellissimi, regia di Letizia Lamartire (Italia)
You Have the Night, regia di Ivan Salatic (Montenegro, Serbia)

Giornate degli Autori
Les tombeaux sans noms, regia di Rithy Panh (Francia, Cambogia)
C’est ça l’amour, regia di Claire Burger (Francia)
Continuer, regia di Joachim Lafosse (Belgio, Francia)
Domingo, regia di Clara Linhart e Felipe Barbosa (Brasile, Francia)
Joy, regia di Sudabeh Mortezai (Austria)
José, regia di Li Cheng (Guatemala)
Mafax, regia di Bassam Jarbawi (Palestina, Stati Uniti d’America, Qatar)
Pearl, regia di Elisa Amiel (Svizzera, Francia)
Ricordi?, regia di Valerio Mieli (Italia, Francia)
Three Adventures of Brooke, regia di Yuan Qing (Cina, Malaysia)
Ville Neuve, regia di Felix Oufour-Laperrière (Canada)
Emma Peeters, regia di Nicole Palo (Belgio, Canada)

Miu Miu Women’s Tales
Hello Apartment, regia di Dakota Fanning (Italia, Stati Uniti d’America)
The Wedding Singer’s Daughter, regia di Haifaa Al-Mansour (Italia, Stati Uniti d’America)

Eventi speciali
As We Were Tuna, regia di Francesco Zizola
Dead Women Walking, regia di Hagar Ben-Asher (Stati Uniti d’America)
Goodbye Marilyn, regia di Maria Di Razza (Italia)
Happy Lamento, regia di Alexander Kluge (Germania)
Il bene mio, regia di Pippo Mezzapesa (Italia)
The Ghost of Peter Sellers, regia di Peter Medak (Cipro)
Why Are We Creative?, regia di Hermann Vaske (Germania)

Notti veneziane
One Ocean, regia di Anne de Carbuccia (Italia)
I villani, regia di Danieli De Michele (Italia)
L’unica lezione, regia di Peter Marcias (Italia)
Il teatro al lavoro, regia di Massimiliano Pacifico (Italia)

Premio Lux
Kona fer í stríð, regia di Benedikt Erlingsson (Islanda, Francia, Ucraina)
Styx, regia di Wolfgang Fischer (Germania, Austria)
Druga strana svega, regia di Mila Turajilić (Serbia, Francia, Qatar)

Alain Resnais sul set di Last Year at Marienbad

Venezia Classici
Adieu Philippine, regia di Jacques Rozier (Francia, 1962)
L’ascesa (Voskhozhdeniye), regia di Larisa Shepitko (URSS, 1976)
Khesht va Ayeneh, regia di Ebrahim Golestan (Iran,1965)
Morte a Venezia, regia di Luchino Visconti (Italia, Francia, Stati Uniti d’America, 1971)
Il posto, regia di Ermanno Olmi (Italia, 1962)
I gangsters (The Killers), regia di Robert Siodmak (Stati Uniti d’America, 1946)
Contratto per uccidere (The Killers), regia di Don Siegel (Stati Uniti d’America, 1964)
L’anno scorso a Marienbad (L’Année dernière à Marienbad), regia di Alain Resnais (Francia, 1961)
La volpe folle (Koiya koi nasuna koi), regia di Tomu Uchida (Giappone, 1962)
La città nuda (The Naked City), regia di Jules Dassin (Stati Uniti d’America, 1948)
La notte di San Lorenzo, regia dei fratelli Taviani (Italia, 1982)
Il portiere di notte, regia di Liliana Cavani (Italia, 1974)
Nulla sul serio (Nothing Sacred), regia di William A. Wellman (Stati Uniti d’America, 1937)
El lugar sin límites, regia di Arturo Ripstein (Messico, 1978)
A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot), regia di Billy Wilder (Stati Uniti d’America, 1959)
La strada della vergogna (赤線地帯, Akasen chitai), regia di Kenji Mizoguchi (Giappone, 1956)
Essi vivono (They Live), regia di John Carpenter (Stati Uniti d’America, 1988)

 

Biennale Cinema 2018: 75^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Dal 29 agosto al 8 settembre 2018
Lido di Venezia
labiennale.org

5 (100%) 3 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Pubblicità

Cambi
Maison Bibelot
Eberhard
Bertolami
Blindarte
Brafa
Colasanti Casa dA'Aste
WANNENES
Il Ponte