Meeting Art
Pubblicato il: mer 16 Mag 2018
Print Friendly and PDF

Il modello della colonna di Pomodoro (Mondadori) in asta da Bibelot. Lo comprerà Berlusconi?

Pomod_Y1004

Il modello della grande scultura di Arnaldo Pomodoro di Palazzo Mondadori a Segrate in asta il 30 maggio a Firenze da Maison Bibelot

Chissà se la famiglia Berlusconi è interessata. In teoria acquistandolo darebbe un senso compiuto a un grande progetto artistico. Tra il 1972 e il 1975, su commissione di Giorgio Mondadori, fu realizzata da Arnaldo Pomodoro una “Colonna a grandi fogli” in bronzo e acciaio, dalle dimensioni imponenti: 13×2,20×2,20 metri. Venne posta proprio di fronte alla nuova sede della casa editrice, a Segrate, realizzata dall’architetto brasiliano Oscar Niemeyer (1907-2012).

22_352_c_orsi_r
Ancora oggi la grande scultura si erge dal lago artificiale che circonda l’edificio. L’opera maestosa venne prima concepita in due modelli in bronzo, tra il 1971 e il 1972, entrambi in bronzo e con misure di 147,5x45x39 cm. Uno dei due modelli è stato di recente (2016) acquistato (da un anonimo compratore) in una vendita all’asta di Christie’s a Londra per 157.000 euro. Ora il secondo esemplare andrà in asta in Italia, a Firenze, alla fine del mese.

Arnaldo Pomodoro Colonna a grandi fogli (per Mondadori) 1972 scultura in bronzo, es 2/2, firmata e datata, su base in plexiglass la scultura h cm 147,5x45x39 L'opera fu realizzata tra il 1971 ed 1972 in due esemplari più due prove d'artista.   Si tratta del modello della grande scultura, realizzata in bronzo e acciaio tra il 1972 ed il 1975 su commissione di Giorgio Mondadori per il Palazzo Mondadori di Segrate, la nuova sede delle casa editrice realizzata dall’architetto brasiliano Oscar Niemeyer* alle porte di Milano, dove l’opera di Pomodoro si erge tutt’oggi dal lago artificiale che circonda l’edificio. Una delle due prove d'artista è stata recentemente presentata e venduta da Christie's Londra nel 2016. 80.000/100.000,00

Arnaldo Pomodoro
Colonna a grandi fogli (per Mondadori) 1972
scultura in bronzo, es 2/2, firmata e datata, su base in plexiglass
la scultura h cm 147,5x45x39
L’opera fu realizzata tra il 1971 ed 1972 in due esemplari più due prove d’artista.
Si tratta del modello della grande scultura, realizzata in bronzo e acciaio tra il 1972 ed il 1975 su commissione di Giorgio Mondadori per il Palazzo Mondadori di Segrate, la nuova sede delle casa editrice realizzata dall’architetto brasiliano Oscar Niemeyer* alle porte di Milano, dove l’opera di Pomodoro si erge tutt’oggi dal lago artificiale che circonda l’edificio.
Una delle due prove d’artista è stata recentemente presentata e venduta da Christie’s Londra nel 2016.
stima 80.000/100.000,00

Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro

La casa d’aste Maison Bibelot presenta infatti un ricco catalogo con una collezione privata (chissà forse potrebbe essere una parte della collezione di Giorgio Mondadori) ricca di opere squisite. Tra cui, appunto, anche il secondo esmplare dei due modelli di questo capolavoro di Pomodoro. La stima di partenza è appetibile: tra 80 e 100 mila euro. Dalla stessa collezione proviene, ad esempio, una bellissima “Chaise-longue Rio”, del 1978 disegnata, guarda caso, da Oscar Niemeyer. E’ il legno curvo laccato nero e paglia di Vienna e ha una stima di 8-10 mila euro.

Oscar Niemeyer (1907-2012) Chaise-longue Rio, 1978 circa Legno curvato laccato nero e paglia di Vienna, cuscino poggiatesta rivestito in pelle nera, lievi difetti Produzione Tendo Brasileira, Brasile 8.000/10.000

Oscar Niemeyer (1907-2012)
Chaise-longue Rio, 1978 circa
Legno curvato laccato nero e paglia di Vienna, cuscino poggiatesta rivestito in pelle nera, lievi difetti
Produzione Tendo Brasileira, Brasile
8.000/10.000

Diversi bellissimi lavori del grande artista inglese Graham Sutherland (1903-1980) presentati con valutazioni comprese tra i 4 e gli 8 mila euro. Un olio su tavola di Achille Funi (1890-1972) firmato e datato 1928 (stima 8-10 mila). E una matita e pastelli su carta realizzata da Gio Ponti (1891-1979) negli anni Venti (“Itinerario sentimenlae milanese”, stima 2-2,5 mila euro).

Achille Funi (1890-1972) Ritratto femminile 1928 olio su tavoletta, firmato e datato, in cornice cm 64x57,5 Al verso reca cartiglio Galleria Milano n° 378 e cartiglio XVI Esposizione Internazionale d'Arte Venezia 1928 8.000/10.000,00

Achille Funi
(1890-1972)
Ritratto femminile 1928
olio su tavoletta, firmato e datato, in cornice
cm 64×57,5
Al verso reca cartiglio Galleria Milano n° 378 e cartiglio XVI Esposizione Internazionale d’Arte Venezia 1928
8.000/10.000,00

Gio Ponti (1891-1979) Itinerario sentimentale milanese, Anni Venti matita e pastello su carta cm 67x81,5 2.000/2.500,00 Nel disegno sono rappresentati i componenti del Gruppo Labirinto, ideato già alla metà degli Anni ‘20 ma ufficializzato alla Biennale di Monza del 1927.  In basso al centro è Tomaso Buzzi: dentro un labirinto, giustappunto ... A destra è Michele Marelli: che sta salendo su per il tetto del duomo di Milano Sopra c'è Paolo Venini con la moglie Ginette Gignous. Al centro in alto: Ponti con Giulia Vimercati A sinistra è Emilio Lancia con la moglie Angela Lina Riccardi Pietro Chiesa e Carola a Porta Ticinese: la famiglia era originaria del Ticino  Al centro una mappa di Milano con le collocazioni dei suddetti: ognuno ha una stella colorata corrispondente ad un luogo.

Gio Ponti (1891-1979)
Itinerario sentimentale milanese, Anni Venti
matita e pastello su carta
cm 67×81,5
2.000/2.500,00
Nel disegno sono rappresentati i componenti del Gruppo Labirinto, ideato già alla metà degli Anni ‘20 ma ufficializzato alla Biennale di Monza del 1927.
In basso al centro è Tomaso Buzzi: dentro un labirinto, giustappunto …
A destra è Michele Marelli: che sta salendo su per il tetto del duomo di Milano
Sopra c’è Paolo Venini con la moglie Ginette Gignous.
Al centro in alto: Ponti con Giulia Vimercati
A sinistra è Emilio Lancia con la moglie Angela Lina Riccardi
Pietro Chiesa e Carola a Porta Ticinese: la famiglia era originaria del Ticino
Al centro una mappa di Milano con le collocazioni dei suddetti: ognuno ha una stella colorata corrispondente ad un luogo.

Queste opere, e molte altre, andranno in asta a Firenze nella sede di Maison Bibelot (in Corso Italia 6) mercoledì 30 maggio. Il giorno prima invece (martedì 29 maggio) la stessa maison d’aste terrà una vendita di Gioielli e orologi. Anche in questo caso in catalogo è presente una vera chicca. Si tratta di un Bracciale di Henri Lyon, Art Déco, in oro bianco tempestato in diamanti. Un oggetto che il tenore Mario De Monaco (1915-1982) regalò alla moglie Rina Fedora Filippini la quale lo indossò in diverse occasioni mondane. La stima d’asta è tra 17 e 20 mila euro.

Lotto 496 Importante bracciale Art Deco H. Lyon - Paris in oro bianco e diamanti Francia, anni Venti/Trenta realizzato dal gioielliere H. Lyon di Rue de la Paix n. 2 a Parigi, è composto da tre grandi piastre legate da tre anelli ottagonali. Il tutto è interamente tempestato di diamanti. Il bracciale riveste una importanza storica particolare perchè appartenne al grande tenore Mario Del Monaco ( Firenze, 27 luglio 1915 - Mestre, 16 ottobre 1982 ) che ne fece dono alla moglie Rina Fedora Filippini la quale lo indossò in varie occasioni mondane come mostrano le fotografie allegate. lunghezza cm 17,7, tre diamanti taglio vecchio ct 2,30 circa complessivi, oltre quattrocento diamanti taglio vecchio ( uno danneggiato ) ct 32 circa complessivi, g 80,3 Stima: € 17.000/20.000

Lotto 496
Importante bracciale Art Deco H. Lyon – Paris in oro bianco e diamanti
Francia, anni Venti/Trenta
realizzato dal gioielliere H. Lyon di Rue de la Paix n. 2 a Parigi, è composto da tre grandi piastre legate da tre anelli ottagonali. Il tutto è interamente tempestato di diamanti.
Il bracciale riveste una importanza storica particolare perchè appartenne al grande tenore Mario Del Monaco ( Firenze, 27 luglio 1915 – Mestre, 16 ottobre 1982 ) che ne fece dono alla moglie Rina Fedora Filippini la quale lo indossò in varie occasioni mondane come mostrano le fotografie allegate.
lunghezza cm 17,7, tre diamanti taglio vecchio ct 2,30 circa complessivi, oltre quattrocento diamanti taglio vecchio ( uno danneggiato ) ct 32 circa complessivi, g 80,3
Stima: € 17.000/20.000

La Preview di tutte le opere d’arte e dei gioielli continua a Milano, oggi (16 maggio) e domani presso l’Hotel The Square in via Albricci 2.  L’esposizione si sposterà a Firenze dal 25 al 27 maggio presso la sede Bibelot.

 

ASTE A FIRENZE

Maison Bibelot
Gioielli e Orologi | Arte Moderna e Contmeporanea
29- 30 MAGGIO 2018

ESPOSIZIONE
Preview Milano:
16 e 17 Maggio 2018
Hotel The Square
Via Albricci, 2/4
orario: Mercoledì 10-19/ Giovedì 10-18

Esposizione Firenze:
25-27 maggio 2018
Corso Italia, 6
Orario: 10-13 /15-19

www.maisonbibelot.com

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Gotha
Artcurial
Cambi Casa d'Aste
WANNENES
Il Ponte
Colasanti Casa d'Aste
Pandolfini
Aste Boetto
Eberhard
Il Ponte