Meeting Art
Pubblicato il: ven 11 mag 2018

Stilisticamente perfetta l’esecuzione di Le Corsaire alla Scala di Milano

le-corsaire

Pulita e tecnicamente impeccabile, questi i termini con cui definire l’esecuzione di Le Corsaire del Balletto della Scala. Un balletto firmato da Anne-Marie Holmes per la prima volta in scena sul palco del Piermarini che ha definitivamente lanciato i neo primi ballerini e solisti appena designati.

Un debutto e una nuova produzione senza guest, tutta affidata alle “forze interne”della giovane compagnia diretta da Frédéric Olivieri. Un direttore che, ben consapevole della preparazione dei suoi ballerini, li ha messi alla prova in un balletto estremamente complesso e virtuosistico. Prova indubbiamente superata dal momento che la stessa Holmes non ha esitato a definire i danzatori scaligeri “semplicemente meravigliosi”.

La coreografia della canadese (che con questa sua rilettura del celebre balletto ottocentesco ha vinto anche un Emmy Award) ha apportato notevoli cambiamenti all’originaria coreografia di Marius Petipa, cambiamenti pensati per il pubblico americano ed occidentale che conosceva bene. Via tutto ciò che riguardava le parti mimiche ormai anacronistiche per dar vita ad uno spettacolo che ha notevolmente snellito il lungo balletto del 1868. Da qui il successo di questo Corsaire nato nel 1997 per il Boston Ballet e pochi anni dopo entrato anche nel repertorio dell’American Ballet Theatre.

le-corsaire-nicoletta-manni-and-alessandro-grillo-photo-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-2018

Oltre ai tagli delle sequenze in pantomima, la coreografa ha anche operato alcuni spostamenti: nel III Atto le odalische non danzano più alla corte del pascià, ma nella scena del mercato del I Atto, come il mercante di schiavi Lankendem diventa un personaggio danzante, come si vede nel pas de deux detto Pas d’esclave, da lui eseguito insieme a Gulnare nel I Atto.

In questa versione le variazioni femminili sono ancora più delicate di quelle sovietiche, esempio lampante ne è la lunga e difficile variazione di Medora nel I Atto in cui la protagonista seduce il pascià, detta Finesse d’amour, una vera perla, che ha messo in luce tutto lo splendore delicato e l’indiscussa bravura di Nicoletta Manni. Una bravura confermata nel passo a due con Conrad , alias Timofej Andrijashenko, nella scena d’amore del II Atto in cui ancora una volta esce il grande affiatamento tra i due primi ballerini. E se la Manni appare dolce ed innamorata nel ruolo di Medora, Martina Arduino è senz’altro una meravigliosa seduttrice in quello di Gulnare. Perfetta, regale, il suo fraseggio è curato nei dettagli e ogni linea dei suoi movimenti risulta nitida e sicura. Una danzatrice già formata, pregio non da poco considerata la sua giovane età. Ma la vara sorpresa in questo spettacolo è venuta da Mattia Semperboni, ballerino del Corpo di ballo che ha sostituito il primo ballerino Claudio Coviello nei panni dello schiavo Alì. Semperboni ha dato infatti una splendida prova di sè: grandi salti, ottimi giri eseguiti con eleganza e leggerezza , un vero talento di cui sentiremo parlare anche in fututo.

le-corsaire
Insomma un’esecuzione ineccepibile da parte dell’intero Balletto della Scala. L’unico appunto che si può fare è questo: per raggiungere l’emozione del pubblico non è sufficiente la perfezione tecnica, ci vuole l’anima, ed in questo la giovane compagnia ha ancora un po’ strada da fare.
Sul podio Patrick Fournillier, specialista del repertorio francese, ha offerto una direzione in linea con la partitura coreografica, incalzante e frizzante quando era il caso e morbida e delicata quando era richiesto il contrario, riuscendo a rendere omogeneo un balletto costruito su tanti piccoli brani.

Le repliche del Corsaire proseguono fino al 17 maggio 2018 ma per chi non potrà recarsi al Teatro alla Scala, va ricordato che la recita del giorno 16 maggio 2018 verrà videotrasmessa da Rai 5 in data da definire mentre sarà trasmessa in diretta dal circuito cinematografico All’Opera.

tomofej-in-conrad

Autore

- Nata a Genova, assieme agli studi classici intraprende quelli della danza. Dopo la Laurea in Giurisprudenza, nel 2001 consegue il diploma in” Regia teatrale” presso l’Accademia Naz. Di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. É stata assistente alla regia di importanti registi teatrali tra cui Gabriele Lavia e Mario Missiroli. Iscritta all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dal 2005 al 2013 ha lavorato per IL GIORNALE (critico di teatro e danza) e collaborato con le riviste SIPARIO, TUTTO DANZA. Dal 2014 al 2017 è stata redattore cultura/spettacolo LIGURIA NOTIZIE. Ha insegnato all’Università degli Studi di Genova – DAMS – Polo Imperia. Ha pubblicato due libri, INCONTRI davanti e dietro la quinte (Premio letterario “La mia storia 2014″) e “Stelle della danza sotto il cielo di Nervi” ed. Cordero, 2017. LA sua commedia “Un tavolo per quattro” ha vinto il 2° Premio Efesto Città di Catania Edizione 2016 – Sezione Teatro


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Eberhard
Pandolfini
Finarte
WANNENES
Il Ponte
Casa d'Aste Blindarte
Curio Firenze
Maison Bibelot
Bertolami Fine Art
Cambi Casa d'Aste