Meeting Art
Pubblicato il: dom 22 Apr 2018
Print Friendly and PDF

Picasso. Uno sguardo differente al MASI di Lugano

Pablo Picasso Bicchiere, bottiglia di vino, pacchetto di tabacco, giornale Marzo 1914 Papier collé con lumeggiature a carboncino, matita, matita blu e acquarello 49 x 64 cm Musée national Picasso, Paris Acquisto da vendita pubblica nel 1997. MP1997-1 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Mathieu Rabeau

Pablo Picasso
Bicchiere, bottiglia di vino, pacchetto di tabacco, giornale
Marzo 1914
Papier collé con lumeggiature a carboncino, matita,
matita blu e acquarello
49 x 64 cm
Musée national Picasso, Paris
Acquisto da vendita pubblica nel 1997. MP1997-1
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Mathieu Rabeau

Carmen Giménez, la curatrice della mostra Picasso Uno sguardo differente al MASI Lugano fino al 17 giugno prossimo, è stata per molti anni direttrice del Museo Picasso di Malaga ed è considerata una delle massime esperte dell’arte del suo grande connazionale.

Attraverso il rapporto tra disegno e scultura, l’esposizione offre un punto di vista inedito sull’evoluzione del linguaggio di Pablo Picasso e presenta 120 opere (105 disegni e 15 sculture) tutte eseguite tra il 1905 e il 1967, un vasto arco cronologico che segna le tappe dell’evoluzione artistica del maestro spagnolo. La selezione punta ai lavori sconosciuti al grande pubblico, più personali e molti fanno riferimento alle figure femminili, ai luoghi e alle circostanze che hanno segnato la vita di Picasso.

Pablo Picasso Fruttiera e mandolino su buffet Paris, 14.02.1920 Guazzo e matita su carta 15.8 x 11.1 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP878 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Droits réservés

Pablo Picasso
Fruttiera e mandolino su buffet
Paris, 14.02.1920
Guazzo e matita su carta
15.8 x 11.1 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP878
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Droits réservés

“Un genio precoce, una pratica di lavoro indefessa e una longevità eccezionale, durata quasi un secolo, hanno consentito a Picasso di produrre una gran quantità di opere e di tenere nella sua collezione personale quelle più importanti senza dover sottostare al mercato dell’arte” commenta Carmen Giménez e parlando dell’esposizione, “Picasso Uno sguardo differente si nutre dell’immenso lascito postumo dell’artista, grazie a una selezione dell’eccezionale collezione del Musée national Picasso – Paris, la collezione più completa dell’opera di Picasso“.

La versalità creativa dell’autore si esprime e abbraccia una strumentazione variegata e ricchissima, dal semplice disegno all’acquerello, dal pastello all’inchiostro per arrivare alle diverse tecniche scultoree, dal collage alle forme di disegno nello spazio, dalle strutture filamentose fino al gusto Pop.

Pablo Picasso Minotauro ferito, cavallo e figure Juan-les-Pins, 10.05.1936 Guazzo, china e matita su carta 50.2 x 65.2 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP1165 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Thierry Le Mage

Pablo Picasso
Minotauro ferito, cavallo e figure
Juan-les-Pins, 10.05.1936
Guazzo, china e matita su carta
50.2 x 65.2 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP1165
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Thierry Le Mage

La mostra a Lugano attraversa il cubismo nelle sue declinazioni, a partire dalle opere del 1910 come Femme au chapeau o Nature morte, si sofferma sull’interesse di Picasso per la figura umana dal Portrait d’André Derain per arrivare ai ritratti delle sue amanti Marie Therése Walter e Françoise Gilot e alla potente serie di studi sulle mani. E s’intreccia alla scultura, il genere che praticò durante tutta la sua lunga vita, dalla Tête de femme: Fernande del 1909 a Mandoline et clarinette, 1913 o La chèvre che esprime la rinascita del dopoguerra fino alla Tête de femme, 1962 in metallo dipinto policromo.

Carmen Giménez ha voluto staccarsi con questa panoramica “picassiana“ al MASI, dai canoni abituali delle esposizioni sui grandi maestri e lo sottolinea con queste parole: “Credo che risulti molto profittevole un’esplorazione all’insegna dello “scavo”, non solo per volontà di illuminare quello che resta nascosto ma in quanto tale atteggiamento ci conduce sul terreno dell’incisione. In tal senso, la vicinanza tra inciso, disegnato e scolpito offre un paesaggio di solchi spaziali molto significativi e stimolanti”. E l’ ”altro sguardo” porta il visitatore davanti a una serie preziosa di opere illuminanti , scaturite dall’atelier mentale straordinario e immenso di Pablo Picasso.

Pablo Picasso Françoise con benda Paris, 05.07.1946 Matita su carta 66 x 50.5 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP1372 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Michèle Bellot

Pablo Picasso
Françoise con benda
Paris, 05.07.1946
Matita su carta
66 x 50.5 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP1372
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Michèle Bellot

Pablo Picasso Testa femminile (Fernande) Paris, 1909 Bronzo 40.5 x 23 x 26 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP243 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Adrien Didierjean

Pablo Picasso
Testa femminile (Fernande)
Paris, 1909
Bronzo
40.5 x 23 x 26 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP243
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Adrien Didierjean

Pablo Picasso Mandolino e clarinetto Paris, autunno 1913 Pittura e tratti a matita su elementi in legno di pino 58 x 36 x 23 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP247 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

Pablo Picasso
Mandolino e clarinetto
Paris, autunno 1913
Pittura e tratti a matita su elementi in legno di pino
58 x 36 x 23 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP247
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

Pablo Picasso La capra Vallauris, 1950 Bronzo 120 x 71 x 144 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP340 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

Pablo Picasso
La capra
Vallauris, 1950
Bronzo
120 x 71 x 144 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP340
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

Pablo Picasso Donna con le braccia tese Cannes, 1961 Lamiera tagliata, piegata e rete metallica dipinte 183 x 177.5 x 72.5 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP360 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris)Pablo Picasso Donna con le braccia tese Cannes, 1961 Lamiera tagliata, piegata e rete metallica dipinte 183 x 177.5 x 72.5 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP360 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Mathieu Rabeau

Pablo Picasso
Donna con le braccia tese
Cannes, 1961
Lamiera tagliata, piegata e rete metallica dipinte
183 x 177.5 x 72.5 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP360
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Mathieu Rabeau

Pablo Picasso Testa femminile Mougins, fine 1962 Lamiera tagliata, piegata e filo di ferro dipinti 32 x 24 x 16 cm Musée national Picasso, Paris Dation Pablo Picasso, 1979. MP366 © Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich Photo RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

Pablo Picasso
Testa femminile
Mougins, fine 1962
Lamiera tagliata, piegata e filo di ferro dipinti
32 x 24 x 16 cm
Musée national Picasso, Paris
Dation Pablo Picasso, 1979. MP366
© Succession Picasso / 2018, ProLitteris, Zurich
Photo RMN-Grand Palais
(Musée national Picasso-Paris) / Béatrice Hatala

 

www.masilugano.ch

3.8 (76%) 5 votes

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Artcurial
Il Ponte
Maison Bibelot
Eberhard
WANNENES
Bertolami
Cambi
Brafa
Pandolfini