Meeting Art
Pubblicato il: sab 14 Apr 2018

World Press Photo: ‘Venezuela Crisis’ è la foto dell’anno. In arrivo la grande mostra a Roma

Venezuela Crisis’ Ronaldo Schemidt fonte Worl Press Photo

Venezuela Crisis’
Ronaldo Schemidt
Fonte : Worl Press Photo

‘Venezuela Crisis’ del fotografo venezuelano Ronaldo Schemidt è la foto vincitrice del più importante concorso di fotogiornalismo del mondo. In arrivo a Roma, al Palazzo delle Esposizoni,  la mostra in prima assoluta in Italia del World Press Photo 2018 .

Ad aggiudicarsi il primo premio del World Press Photo dell’edizione 2018 – il concorso del fotogiornalismo più importante al mondo – è ‘Venezuela Crisis‘ del fotografo venezuelano Ronaldo Schemidt (classe 1971 dell’agenzia  France-Presse ).  La foto è stata scelta da una giuria indipendente formata da esperti internazionali tra sei finaliste, a loro volta selezionate tra migliaia di domande di partecipazione inviate alla Fondazione World Press Photo di Amsterdam da fotogiornalisti provenienti da tutto il pianeta.

The Battle for Mosul- Youg Boy is cared for By Iraqi Special Forces

The Battle for Mosul- Youg Boy is cared for By Iraqi Special Forces Soldiers
Ivor Prickett for The New York Times | World Press Photo of the Year Nominee
Fonte sito Internet Palazzo delle Esposizioni

I vincitori di tutte le categorie  sono stati proclamati durante la cerimonia di premiazione che si è svolta  durante il World Press Photo Festival di Amsterdam il 12 aprile.

Protagonista dello scatto più importante del 2018 ,  un ragazzo che scappa investito dalle fiamme in seguito a un ‘esplosione del serbatoio di una motocicletta, durante la manifestazione di protesta a Caracas dello scorso anno contro il presidente Nicolás Maduro.

Josè Victor Salazar – questo il nome del ragazzo di 28 anni – è miracolosamente sopravvissuto all’incidente anche se ha riportato ustioni di primo e secondo grado.  Il giovane, diventato subito icona della crisi venezuelana, ora rappresenterà il simbolo universale delle forti tensioni politiche e sociali che caratterizzano l’attuale periodo storico in tutto il pianeta.

Boko Haram Strapped Suicide Bombs to Them. Somehow These Teenage Girls Survived. - Aisha, age 14. World Press Photo

Boko Haram Strapped Suicide Bombs to Them. Somehow TheBoko Haram Strapped Suicide Bombs to Them. Somehow These Teenage Girls Survived. – Aisha, age 14.se Teenage Girls Survived. – Aisha, age 14.
Adam Ferguson for The New York Times | World Press Photo of the Year Nominee
Fonte foto : sito internet Palazzo delle Esposizioni

Del resto lo scopo principale del prestigioso concorso non è tanto quello di premiare il talento dei vari fotografi quanto  di raccontare il mondo secondo vari punti di vista e varie angolazioni. Connettere il mondo con le storie che lo caratterizzano. Non a caso tra le varie categorie di quest’anno figura anche quella dedicata all’Ambiente.

Neil Aldridge | Environment Nominee

Neil Aldridge | Environment Nominee
Fonte sito Internet Palazzo delle Esposizioni

Potrete ammirare tutte le splendide foto del  World Press Photo 2018  nella grande mostra che  si terrà a Roma, in prima assoluta italiana, presso il Palazzo delle Esposizioni dal 27 aprile al 27 maggio 2018 e che troverete anche sulle pagine di ArtsLife che non mancherà di raccontarvi ogni particolare della rassegna.

I temi affrontati sono molti ma oltre la metà purtroppo rappresentano scene crude, violente, intrise di follia umana. Non a caso all’ingresso di ogni mostra del concorso fotografico si avverte il pubblico che alcune scene potrebbero urtare la sensibilità delle persone più impressionabili. Non mancano però scatti colorati e sorprendenti dedicati alla Natura, per esempio.

In un mondo dove le immagini girano a velocità vertiginose, dove la realtà supera l’immaginazione, solo il talento di certi fotografi sa svegliarci dal torpore del bombardamento mediatico e  suscitare in noi vive emozioni : dallo sdegno alla  rabbia, dalla paura alla speranza. Ovviamente tra le foto esposte troverete anche la vincitrice del concorso. Cosa ha di speciale questa foto rispetto alle altre? Lo spiega Magdalena Herrera, direttrice di Geo France e Presidente della  giuria che assegna il premio:

“Si tratta di uno scatto classico, ma ha un’energia istantanea e dinamica. I colori, il movimento, è ben composta, ha forza. Mi ha dato un’emozione istantanea”.

Il membro della giuria Whitney C. Johnson, vice direttore della fotografia National Geographic, ha aggiunto :

È piuttosto simbolico, in realtà, l’uomo ha una maschera sul viso, è venuto per rappresentare non solo  se stesso in fiamme, ma una specie di questa idea del Venezuela che brucia”.

 Il membro della giuria Bulent Kiliç, fotografo capo della Turchia Agence France-Presse ne da un’interpretazione ancora più globale:

“C’è un piccolo dettaglio nella foto. C’éuna pistola sul muro. Si legge “paz”. Significa pace. Ciò rende anche questa immagine forte “.

 

Valuta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Maison Bibelot
Bertolami Fine Art
Artcurial
Eberhard
Il Ponte
Colasanti Casa d'Aste
IL PONTE
WANNENES
Cambi Casa d'Aste
Wopart 2018
Colasanti Casa d'Aste