meeting art istituzionale
Pubblicato il: ven 16 Mar 2018
Print Friendly and PDF

“Sbagliato censurare nudi d’arte”. Un tribunale francese censura Facebook

Gustave Courbet, L'origine du mondeLa corte accoglie in termini generali l’appello di un insegnante francese, Frédéric Durand, il cui account fu disattivato nel 2011 per aver pubblicato un’immagine del dipinto L’origine du monde di Gustave Courbet

Facebook ha sbagliato a chiudere senza preavviso il profilo social del professor Frédéric Durand colpevole di aver pubblicato un’immagine del dipinto L’origine du monde di Gustave Courbet”. Una sentenza che potrebbe a suo modo far storia, nel sempre più vasto universo dei social network, in particolare del re del genere, guidato da Mark Zuckerberg. Già, perché soprattutto chi ha a che fare con il mondo dell’arte si è sicuramente dovuto scontrare con le rigidezze di Facebook, che spesso considera “pornografiche” o comunque sconvenienti immagini di opere d’arte contenenti nudi pubblicate sulle pagine degli utenti: giungendo a sospendere ed in casi estremi cancellare gli account “colpevoli” di pubblicarle. È Quanto accaduto – ne abbiamo parlato anche noi – a un insegnante francese, Frédéric Durand, il quale però non l’ha presa bene e ha deciso di trascinare il social in tribunale.

Pietra dello “scandalo”? Un classico del genere, la realistica raffigurazione di una vagina in primissimo piano conservata al Musée d’Orsay di Parigi, per aver postato la quale l’account di Durand fu disattivato nel 2011senza avvertimenti o giustificazioni“. Ora è arrivata la pronuncia del tribunale francese, che in termini generali conviene che Facebook è in colpa e che la pubblicazione di un’opera d’arte non può essere motivo di sanzioni, ed è questo che vale come indicazione di giurisprudenza, e c’è da sperare che spinga la creatura di Zuckerberg a rivedere drasticamente la propria policy in materia. Nel caso specifico, tuttavia, la corte non l’ha condannato a pagare la penalità di 25mila dollari richiesta dall’avvocato di Durand per risarcire i danni al suo cliente, adducendo a motivazione il fatto che l’utente ha potuto immediatamente creare un suo nuovo profilo. Ma Durand, e il suo legale Stéphane Cottineau, non si dichiarano soddisfatti, e annunciano appello…

5 (100%) 1 vote

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

WANNENES | ISTITUZ
Miart 2019
Artcurial | 27 marzo
Cambi Casa d'Aste
Bertolami Fine Arts
Il Ponte | 22 mar
Andrey Esionov