Meeting Art
Pubblicato il: gio 08 mar 2018

Atmosfera da Pulp Fiction in “Delitto e castigo” di Bogomolov a Genova

Delitto e castigo Fëdor Dostoevskij

Delitto e castigo
Fëdor Dostoevskij
Foto: Musio Lidi

E’ stato Emilia Romagna Teatro, nell’ambito delle celebrazioni del suo quarantennale di attività, a scegliere il moscovita Konstantin Bogomolov per firmare un nuovo allestimento di “Delitto e castigo” di Fëdor Dostoevskij. Lo spettacolo, il cui testo è stato tradotto da Emanuela Guercetti, ha debuttato al Teatro Storchi di Modena ed in questi giorni è al Teatro della Corte di Genova.

Il quarantenne Konstantin Bogomolov, figlio del critico cinematografico Yuri Alexandrovich Bogomolov, regista dallo stile irriverente, provocatorio e spiazzante, è tra le voci più lucide ed originali della sua patria. E con questo spettacolo non è la prima volta che si cimenta in adattamenti su testi di Dostoevskij, infatti i suoi lavori precedenti sono “I fratelli Karamazov” e “L’idiota”.

Nella sua versione di “DELITTO E CASTIGO”, Bogomolov parte diretto senza la preoccupazione di un eventuale giudizio, inserendo la vicenda raccontata da Dostoevskij in un salotto stile anni Sessanta, dove sono presenti un grosso divano giallo, due poltrone di lato, tre schermi televisivi alle spalle, un grande comò in fondo a destra. I personaggi vengono totalmente stravolti e lo spettatore è costretto ad abbandonare da subito l’immaginario oscuro della San Pietroburgo del romanzo. Il protagonista non è più un giovane intellettuale incapace di adeguarsi alle regole imposte dalla società russa ottocentesca, bensì un pesante immigrato africano, indolente e privo di qualsiasi ideologia, che si macchia dell’assassinio di una donna bianca e di sua figlia.

Delitto e castigo Fëdor Dostoevskij

Delitto e castigo
Fëdor Dostoevskij
Foto: Luca del Pia

Naturalmente sono nere anche la sorella e la mamma di Raskol’nikov che entrano in scena sulle note di Booomba, un classico dei villaggi vacanze, con indosso sgargianti abiti africani. Sonja è, anche qui, una prostituta che cerca di persuadere il protagonista a convertirsi al cristianesimo, mentre il poliziotto è presentato come un pederasta mellifluo capace di chiudere un occhio coi delinquenti basta assecondino i suoi piaceri.

Abbondano infatti i riferimenti pornografici in un’atmosfera da Pulp Fiction che tende anche ai modelli caratteristici delle sitcom americane, in cui tutta l’azione si concentra attorno al divano. Il pubblico in sala borbotta, è sconcertato, si sentono vocii che rilevano: “Ma cos’è questa roba, dov’è Dostoevskij?” soprattutto nelle svariate scene di sessualità violenta indubbiamente gratuita dal punto di vista narrativo. Troppe le simulazioni di fellatio che infastidiscono e distraggono dalla drammaturgia.

Resta fermo il senso del testo di Dostoevskij e cioè se sia giusto o meno uccidere quando la vittima è una persona squallida e abietta come un’usuraia, e di conseguenza, se in tal caso, siano necessari il castigo e la pena. Da questo assunto si struttura il lavoro di Bogomolov sul romanzo del grande autore russo.

Il cast è tutto italiano: Leonardo Lidi nei panni di Raskol’nikov, Paolo Musio in quelli del pubblico ministero Porfirij Petrovič, e poi Anna Amadori (Pulheria Raskolnikova), Margherita Laterza (Dunya Raskolnikova), Marco Cacciola (Nikolka), Diana Höbel (Alena Ivanovna e Sonya Marmeladova), Renata Palminiello (Svidrigailov) e Enzo Vetrano (Lizaveta, Marmeladov).

Lo spettacolo che ha la durata di 2 ore senza alcun intervallo è in scena al Teatro della Corte a Genova da martedì 6 a domenica 11 marzo. Dal martedì al sabato alle ore 20.30. Domenica ore 16. La recita del giovedì inizia alle 19.30.

www.teatrostabilegenova.it

Autore

- Nata a Genova, assieme agli studi classici intraprende quelli della danza. Dopo la Laurea in Giurisprudenza, nel 2001 consegue il diploma in” Regia teatrale” presso l’Accademia Naz. Di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. É stata assistente alla regia di importanti registi teatrali tra cui Gabriele Lavia e Mario Missiroli. Iscritta all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, dal 2005 al 2013 ha lavorato per IL GIORNALE (critico di teatro e danza) e collaborato con le riviste SIPARIO, TUTTO DANZA. Dal 2014 al 2017 è stata redattore cultura/spettacolo LIGURIA NOTIZIE. Ha insegnato all’Università degli Studi di Genova – DAMS – Polo Imperia. Ha pubblicato due libri, INCONTRI davanti e dietro la quinte (Premio letterario “La mia storia 2014″) e “Stelle della danza sotto il cielo di Nervi” ed. Cordero, 2017. LA sua commedia “Un tavolo per quattro” ha vinto il 2° Premio Efesto Città di Catania Edizione 2016 – Sezione Teatro


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Artcurial
Cambi Casa d'Aste
Eberhard
Il Ponte
Colasanti Casa d'Aste
Pandolfini
Wannenes
Bertolami Fine Art
IL PONTE