Meeting Art
Pubblicato il: mer 07 Mar 2018

La pittura di Gino Rossi a Ca’ Pesaro. C’era una volta l’avanguardia veneziana

Gino Rossi PAESE IN COLLINA 1923  olio su cartone
40 × 36,5 cm
 Fondazione Musei Civici di Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, Venezia
dono Nino Barbantini, 1952  © Archivio fotografico - Fondazione Musei Civici di Venezia

Gino Rossi
PAESE IN COLLINA
1923
olio su cartone
40 × 36,5 cm

Fondazione Musei Civici di Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, Venezia
dono Nino Barbantini, 1952
© Archivio fotografico – Fondazione Musei Civici di Venezia

Racchiude lo spirito di un’epoca, la vitalità di un momento, la baldanza giovanile di un gruppo di artisti italiani di una stagione lontana, la mostra che ha inaugurato lo scorso 23 febbraio alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, a Venezia. Protagonista, il pittore veneziano Gino Rossi (1884 – 1947) in ottima compagnia. Al suo fianco, infatti, ci sono Arturo Martini, Felice Casorati, Umberto Boccioni, Pio Semeghini; la cosiddetta avanguardia capesarina, che, negli anni dieci del Novecento, rispettarono le ultime volontà della duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, facendo di Ca’ Pesaro luogo di ricerca e rivoluzione, in cui liberare la pittura veneziana da accademismi e stanche maniere.

11_Gino Rossi_RITRATTO DI SIGNORA

Gino Rossi
RITRATTO DI SIGNORA
1914
olio su cartoncino applicato su truciolare 99,8 × 71,5 cm

Collezione Fondazione Cariverona
Archivio Fotografico Fondazione Cariverona, ph. Saccomani

Pochi i pezzi in esposizione, condensati in due sole sale al secondo piano del museo veneziano – il resto è occupato da un nucleo di opere in prestito a lungo termine dalla Fondazione Sonnabend – di cui parte di proprietà del museo e parte proveniente dalla Fondazione Cariverona, partner dell’esposizione. Gino Rossi a Venezia èuna mostra minuta ma non per questo lacunosa; italiana e internazionale al contempo, nella quale, ripercorrendo le mutazioni del linguaggio pittorico di Gino Rossi, si sente l’eco delle avanguardie europee di primo Novecento e dei loro precursori, che il pittore ebbe modo di conoscere durante i suoi soggiorni a Parigi. Nei ritratti di pescatori e popolani, nella natura morta con violino e pipa, nei paesaggi dell’isola di Burano, rivivono il cubismo di Picasso e Braque, i colori vividi dei Fauve, la costruzione geometrica di Cézanne, il primitivismo di Gauguin, l’umanesimo di van Gogh.

Curata da Luca Massimo Barbero e Elisabetta Barisoni, la mostra ha aperto la stagione espositiva 2018 di Ca’ Pesaro, forte, come ha sottolineato in conferenza stampa Gabriella Belli, direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, di un incremento di pubblico registrato nell’anno passato, che ha condotto il museo al traguardo di 100 mila visitatori.

14_Gino Rossi_STUDIO PER NATURA MORTA CON VIOLINO E PIPA

Gino Rossi
STUDIO PER NATURA MORTA CON VIOLINO E PIPA
1922
gessetti su carta 46,5 x 30,1 cm
Fondazione Musei Civici di Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, Venezia
Acquisto presso il pittore Arturo Malossi, Treviso 1962
© Archivio fotografico – Fondazione Musei Civici di Venezia

3_Gino Rossi_BARENE A BURANO

Gino Rossi
BARENE A BURANO
1912-1913
olio su cartone
59 × 70,4 cm
Collezione Fondazione Cariverona
Archivio Fotografico Fondazione Cariverona, ph. Saccomani

1_Gino Rossi_DOUARNENEZ

Gino Rossi
MARINA – DOUARNENEZ
1910 circa
olio su tela
46,3 × 64,6 cm

Fondazione Musei Civici di Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, Venezia
dono Nino Barbantini, 1938
© Archivio fotografico – Fondazione Musei Civici di Venezia


INFORMAZIONI UTILI

Gino Rossi a Venezia. Dialogo tra le collezioni di Fondazione Cariverona e Ca’ Pesaro

sino al 20 maggio 2018

Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna

Santa Croce 2066, 30135 Venezia

http://capesaro.visitmuve.it

Valuta

Autore

- Curatrice, project manager per la cultura e giornalista freelance, vive e lavora ad Alghero ma con la valigia in mano e un debole per Venezia e Istanbul. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Cambi Casa d'Aste
Eberhard
Il Ponte
Wopart 2018
WANNENES
Artcurial
 Il Ponte
WANNENES
mercanteinfiera
Bertolami Fine Art