meeting art 855 | 27 gen
Pubblicato il: ven 09 Feb 2018
Print Friendly and PDF

Thriller Caravaggio. Fu venduta a pezzi la “Natività” rubata a Palermo nel 1969?

La Natività con i santi Lorenzo e Francesco d'Assisi, capolavoro del Caravaggio trafugato nel 1969 (particolare)

La Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi, capolavoro del Caravaggio trafugato nel 1969 (particolare)

Il pentito di mafia Gaetano Grado svela alla commissione antimafia che il dipinto sarebbe finito all’estero, forse in Svizzera, e poi scomposto per essere venduto sul mercato clandestino

La notizia l’ha scovata La Repubblica, ma poi curiosamente è stata ripresa e approfondita più dalla stampa spagnola – El Pais, ABC – che non dai media italiani, evidentemente troppo occupati in questi giorni a dettagliare ogni minima brezza che giunge da quel di Sanremo. Potrebbero esserci clamorose novità attorno alla più intricata spy-story artistica degli ultimi decenni, stabilmente inserita nella top ten degli “Art crimes” mondiali stilata dall’FBI: ovvero la sparizione dopo il furto della “Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi”, capolavoro del Caravaggio trafugato nel 1969 dall’Oratorio della Compagnia di San Lorenzo di Palermo. Un dipinto di grandi dimensioni, 2,68 per 1,97 metri, realizzata nel 1609 durante un presunto soggiorno palermitano del pittore che sarebbe morto l’anno successivo, e che oggi potrebbe valere qualcosa come 20 milioni di dollari. Nel corso degli anni sul thriller dei destini della tela sono emerse ricostruzioni più o meno plausibili, spesso comunque legate a rivelazioni provenienti da ambienti mafiosi: Giovanni Brusca assicurò che il furto era stato commesso su commissione dei corleonesi, intenzionati a barattarne la restituzione in cambio di un alleggerimento del 41 bis; il pentito Gaspare Spatuzza riferì invece che il dipinto sarebbe finito in una stalla dove sarebbe stato irrimediabilmente danneggiato da umidità e morsi dei ratti.

L'Oratorio della Compagnia di San Lorenzo, a Palermo, con la cornice del Caravaggio vuota

L’Oratorio della Compagnia di San Lorenzo, a Palermo, con la cornice del Caravaggio vuota

Ora però potrebbe emergere un’altra “verità” da mettere al vaglio di studiosi e investigatori: ed a metterla a verbale è stato ancora un pentito di mafia, Gaetano Grado, in un lungo racconto davanti alla commissione antimafia presieduta da Rosy Bindi. Dal verbale, alcuni stralci del quale sono stati pubblicati da La Repubblica, emerge che “già nel 1970 il capo della Cupola, Gaetano Badalamenti, curò il trasferimento del quadro all’estero, verosimilmente in Svizzera, dietro il pagamento di una grossa somma in franchi. […] Badalamenti mi disse che verosimilmente il quadro era stato scomposto per essere venduto sul mercato clandestino”. Ma Grado va oltre, visto che avrebbe anche riconosciuto da una fotografia un antiquario svizzero che sarebbe arrivato in Sicilia per seguire l’affare. “L’intermediario è morto da tempo, ma il suo nome è un dettaglio prezioso per provare a ricostruire dove sia finito il quadro diventato il simbolo dei segreti di Cosa nostra”.

La Natività con i santi Lorenzo e Francesco d'Assisi, capolavoro del Caravaggio trafugato nel 1969

La Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi, capolavoro del Caravaggio trafugato nel 1969

palermo.repubblica.it/

3.6 (72%) 5 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Cambi Casa d'Aste
PANDOLFINI | 26 FEBBRAIO
Il Ponte | 22 mar
WANNENES | ISTITUZ
Andrey Esionov
Artcurial | 28 feb