meeting art 855 | 27 gen
Pubblicato il: ven 09 Feb 2018
Print Friendly and PDF

Tre cose che farò nel 2018. Andrea Bruciati

Andrea Bruciati

Andrea Bruciati

Scopriamo i progetti per l’anno appena iniziato dei protagonisti del sistema dell’arte italiana: critici e storici dell’arte, direttori di museo, artisti, galleristi, collezionisti, operatori culturali

1. respirare. Cammino fra la meraviglia troppo poco mentre amerei tanto ossigenarmi attraversandola; buttare fuori acqua e aria per riappropriarmi di tutto il resto

2. chiudere gli occhi. Non ho pause e invece mi piacerebbe progettare itinerari fantastici perché i visitatori potessero frequentare altri piani di consapevolezza

3. toccare. Non ho mai abbastanza tempo per immergermi nella bellezza assoluta; al contrario desidererei che il mondo si presentasse immanentemente sexy


Andrea Bruciati (1968) è uno storico dell’arte, critico e curatore originario di Corinaldo, nelle Marche. Fra i molti incarichi è stato direttore della Galleria Comunale d’Arte contemporanea di Monfalcone e direttore artistico della fiera ArtVerona, mentre dallo scorso anno dirige Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli

http://www.villaadriana.beniculturali.it/

2.6 (52%) 5 votes

Autore

- Giornalista, scrittore, critico e curatore di mostre. È nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, da 25 anni lavora per riviste d’arte prima come redattore de Il Giornale dell’Arte, poi come caporedattore delle testate Exibart, poi Artribune, attualmente ArtsLife. Ha curato il volume “Rigando dritto”, raccolta di scritti dell’artista Piero Dorazio, pubblicato nell’aprile 2005 dall’editore Silvia Editrice di Milano. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra “Artsiders”, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Nel 2018 ha curato la mostra “De Prospectiva Pingendi. Nuovi scenari nella pittura italiana”, nelle due sedi di Palazzo del Popolo e Palazzo del Vignola, a Todi, e la mostra “Beverly Pepper tra Todi e il mondo” nel Palazzo del Popolo di Todi. Nel 2019 ha pubblicato il libro “Margherita Sarfatti. Più”, presso Manfredi Edizioni.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Il Ponte | 22 mar
WANNENES | ISTITUZ
PANDOLFINI | 26 FEBBRAIO
Artcurial | 28 feb
Andrey Esionov
Cambi Casa d'Aste