Meeting Art
Pubblicato il: lun 13 nov 2017
Stampa/PDF/Email

Strappi, smalti, schermi. Vero Amore: la Pop Art italiana in scena alla Gam di Torino

La Galleria d’Arte Moderna di Torino dona un nuovo allestimento alle opere della Pop Art italiana presenti nelle proprie collezioni e presenta Vero Amore, a cura di Riccardo Pasoni, fino al 26 febbraio 2018. Un percorso -il cui titolo riprende quello di una tela del 1962 di Mario Schifano- composto da circa sessanta opere tra dipinti, sculture e video il cui scopo è quello di riflettere sulla vicenda della Pop Art e sui suoi risvolti nel territorio italiano.

GAM vero amore pop art

Mario Schifano
(Homs, 1934 – Roma, 1998)
Indicazione grande n. 1, 1962
Smalto su carta intelata
200 x 200 cm
Acquisto della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT dalla Galleria Giorgio Marconi, Milano, 2003
GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

Nata tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta in Inghilterra per poi esplodere ed avere i suoi massimi rappresentanti negli Stati Uniti, la Popular Art nasce come reazione degli artisti -in particolare pittori- alla neonata società dei consumi, basata su un vero e proprio bombardamento visivo tramite la pubblicità.

Lasciate alle spalle le correnti dell’informale e dell’espressionismo astratto, questi artisti si focalizzano sugli oggetti, i miti e i linguaggi della società consumistica e li inseriscono nelle loro opere, dissacrandoli e decontestualizzandoli, sulla scia dell’azione Dadaista.

GAM vero amore pop art

Ugo Nespolo (Mosso, 1941)
Questo grotesque, questo grotesque triste, 1966
Smalto su metallo ed elementi lignei con calamita, 160 x 89.5 cm
Dono dell’artista, 1967
Museo Sperimentale, GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

Anche in Italia si sviluppano correnti parallele e la ricerca critica degli ultimi anni ha collegato l’esplosione del fenomeno della Pop Art sul suolo italiano alla Biennale di Venezia del 1964 e dall’altra ha studiato la provenienza degli artisti, evidenziandone similitudini e differenze rispetto a quelli internazionali.

GAM vero amore pop art

Pino Pascali (Bari, 1935 – Roma, 1968)
Omaggio a Billie Holiday (Labbra rosse), 1964
Tela dipinta a smalto su centine in legno, 164 x 120 x 22 cm
Acquisto della Fondazione Guido ed Ettore de Fornaris da Vittorio Rubiu, Roma, 1985
GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

Vero Amore offre una panoramica sulle varie declinazioni che l’arte pop ha avuto in Italia spaziando tra artisti come Franco Angeli, Mario Ceroli, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Sergio Lombardo, Fabio Mauri, Pino Pascali, Salvatore Scarpitta e Mario Schifano. Importante anche la presenza di artisti Piemontesi come Antonio Carena, Piero Gilardi, Aldo Mondino, Ugo NespoloMichelangelo Pistoletto.

Importante anche la presenza delle ricerche collaterali e pioneristiche di Mimmo Rotella e di Enrico Baj, artisti non dichiaratamente Pop ma contestualizzabili nello stesso spirito e ricerca con i loro lavori.

GAM vero amore pop art

Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 – Milano, 2006)
Dalla Sicilia, 1961
Decollage su tela, 78 x 88 cm
Dono di Eugenio Battisti, 1966
Museo Sperimentale, GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

In occasione della presentazione del nuovo percorso espositivo verrà esposta per la prima volta l’opera Simboli del Concilio (1965) di Ezio Gribaudo (Torino, 1929) –inserita nel periodo Pop dell’artista- che il torinese ha donato alla GAM quest’anno su proposta del Direttore Carolyn Christov-Bakargiev.

Informazioni utili

VERO AMORE

GAM-GALLERIA CIVICA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

Fino al 26 febbraio 2018

Torino, Via Magenta 31

Orari
Da Martedì a Domenica: 10.00 – 18.00
Lunedì chiuso
La biglietteria chiude un’ora prima

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

Cambi Casa d'Aste
Eberhard
Cambi
Pandolfini
Wannenes
IL PONTE Ottobre 2017 Moderni
Maison Bibelot
modenantiquaria