Meeting Art
Pubblicato il: ven 10 nov 2017
Stampa/PDF/Email

Tata di professione e fotografa per vocazione. Vivian Maier in mostra a Catania

vivian maier una fotografa ritrovata catania

Vivian Maier, New York, 28 settembre 1959 © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York

Catania. Dopo i dipinti sognanti di Chagall e la psichedelia geometrica di Escher, la città apre le porte agli scatti di Vivian Maier. Negli spazi della Fondazione Puglisi Cosentino, dal 27 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018 ospita la retrospettiva “Vivian Maier. Una fotografa ritrovata”, un viaggio nella produzione “riscoperta” della fotografa di New York.

Oltre 120 fotografie in bianco e nero, una selezione di immagini a colori e alcuni filmati in super 8 –realizzati tra gli anni Cinquanta e Sessanta- il corpus dell’esposizione, che si presenta come una delle più complete dedicate alla fotografa statunitense.

vivian maier una fotografa ritrovata catania

Vivian Maier, Senza titolo, Chicago, agosto 1976 © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York

L’esposizione –a cura di Anne Morin e Alessandra Mauro- offre una panoramica sulla vita e sulla produzione artistica di Vivian Maier (New York, 1926 – Chicago 2009), che fu sempre nascosta mentre lei era in vita. Tata di professione e fotografa per diletto, fotografava per sé stessa, non abbandonando mai la sua Rolleiflex.

Il misterioso alone intorno ai suoi lavori venne svelato solo successivamente al 2007, quando un agente immobiliare –John Maloof, dalla cui collezione provengono tutte le stampe un mostra– acquistò durante un’asta parte del suo archivio e, riconoscendone il valore artistico, non smise di cercare, archiviare e sviluppare materiale appartenente a questa enigmatica fotografa.

vivian maier una fotografa ritrovata catania

Vivian Maier, New York, 1954 © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York

Seppur scattate decenni or sono, le fotografie di Vivian Maier hanno molto da dire sul nostro presente. E in maniera profonda e inaspettata. Maier si dedicò alla fotografia anima e corpo, la praticò con disciplina e usò questo linguaggio per dare struttura e senso alla propria vita conservando però gelosamente le immagini che realizzava senza parlarne, condividerle o utilizzarle per comunicare con il prossimo. Proprio come Maier, noi oggi non stiamo semplicemente esplorando il nostro rapporto col produrre immagini ma, attraverso la fotografia, definiamo noi stessi”.

Marvin Heifermann nell’introduzione al catalogo

L’occhio di Vivian Maier cattura scene di vita quotidiana di New York e Chicago: dettagli, particolari, imperfezioni di vite comuni e di strada, in un contesto –quello delle città americane di metà Novecento- di cambiamento sociale e culturale. Un racconto visivo della bellezza che si cela nelle piccole cose.

vivian maier una fotografa ritrovata catania

Vivian Maier, Senza titolo, senza data © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York

La fotografa sta ai margini della scena e mai completamente “dietro l’obiettivo”, diventa parte integrante di quello che vede e crea: il riflesso del suo volto nelle vetrine, un’ombra allungata sul terreno, la sua silhouette. Lei stessa è un soggetto nel teatro della sua fotografia, come dimostrano i suoi famosi e numerosi autoritratti.

“Vivian Maier è un caso estremo di riscoperta postuma: ciò che visse coincise esattamente con ciò che vide. Non solo era sconosciuta in ambito fotografico ma sembra addirittura che nessuno l’abbia mai vista scattare fotografie. Può sembrare triste e forse anche crudele – una conseguenza del fatto che non si sposò, non ebbe figli e apparentemente nessun amico – ma la sua vicenda rivela anche molto su quanto sia grande il potenziale nascosto di tanti esseri umani.”

Geoff Dyer nell’introduzione al catalogo

vivian maier una fotografa ritrovata catania

Vivian Maier, New York, 10 settembre, 1955 © Vivian Maier/Maloof Collection, Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York

Informazioni utili

“Vivian Maier. Una fotografa ritrovata”

27 ottobre 2017 – 18 febbraio 2018

Fondazione Puglisi Cosentino
Via Vittorio Emanuele II, 122 – Catania

Orari:

Lunedì – Domenica  dalle 10.00 alle 20.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti:

Intero 11 € – Ridotto 9 €

Informazioni e prenotazioni

+ 39 095 883 791

 

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

modenantiquaria
Eberhard
Wannenes
Cambi
IL PONTE Ottobre 2017 Moderni
Pandolfini
Maison Bibelot
Cambi Casa d'Aste