Meeting Art
Pubblicato il: lun 11 set 2017
Stampa/PDF/Email

Le fasce di tela di Scarpitta

«Verso il 1954-58, dopo la nascita della figlia Lola, Salvatore aveva portato nel suo studio tutte le fasce di tela adoperate per fasciare la bambina, e dopo averle avvolte intorno a telai di legno, le irrigidiva con la colla e le dipingeva, monocrome o bianco, o rosso scuro, o blu, lasciando fra un giro e l’altro della fascia delle fessure. Questi spazi vuoti risultavano come dei tagli netti aperti, come delle ferite.
Quei lavori mi colpirono molto per la loro originalità e anche per il loro valore in quanto estensione della sua esperienza pittorica: era il primo esemplare passo avanti dopo la provocazione di Burri».

Piero Dorazio nel catalogo ragionato di Salvatore Scarpitta (Milano, 2005)

Forager for Plankton di Salvatore Scarpitta

Forager for Plankton di Salvatore Scarpitta

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

Cambi Casa d'Aste
modenantiquaria
Maison Bibelot
Pandolfini
IL PONTE Ottobre 2017 Moderni
Cambi
Eberhard
Wannenes