Meeting Art
Pubblicato il: dom 13 ago 2017
Stampa/PDF/Email

Vent’anni di Cous Cous Fest. Appuntamento a San Vito Lo Capo dal 15 al 24 settembre

img_9669

Dal 15 al 24 settembre, il Cous Cous Fest torna a San Vito Lo Capo. La prossima sarà un’edizione speciale: il festival internazionale dell’integrazione culturale celebra il suo ventennale con un programma ricco di eventi e di ospiti italiani ed internazionali. Dieci giorni per festeggiare la 20a edizione, tra gare gastronomiche, cooking show, degustazioni, talk show, spettacoli e grandi concerti sotto le stelle, nella splendida cornice di San Vito Lo Capo, famoso per la sua spiaggia dorata ed il suo mare cristallino, premiato anche quest’anno con le 5 Vele di Legambiente.

Il Cous Cous Fest è una vera e propria festa di sapori e di civiltà che unisce gastronomia, cultura, musica e spettacolo. Protagonista indiscusso è il cous cous, nato tra le dune del Maghreb, ricco di storia e simbolo di pace, apertura e contaminazione. Ogni anno a San Vito Lo Capo attorno a questo piatto si riuniscono, infatti, civiltà, religioni e culture diverse all’insegna della multiculturalità e dell’integrazione.

20140925_134801

Sabato 16 e domenica 17 settembre si svolge il Campionato italiano di Bia CousCous, la prima delle due gare gastronomiche, che vede sfidarsi sei chef italiani, selezionati attraverso un contest nazionale, per aggiudicarsi il titolo di Miglior chef italiano 2017 e rappresentare l’Italia al Campionato del mondo di cous cous. A giudicare gli chef, una giuria tecnica presieduta da Sonia Peronaci ed una giuria popolare.

Tra giovedì 21 e sabato 23 settembre si entra, invece, nel cuore della rassegna con il Campionato del mondo di cous cous. Questa volta sono gli chef di dieci Paesi del mondo ad essere in gara. Quest’anno oltre all’Italia – capitanata dallo chef sanvitese Peppe Alongi del ristorante La Cambusa – ci saranno Marocco, Tunisia – con gli chef Bilel Ouechtati e Aymen Boughanmi – Stati Uniti – con lo chef newjorkese Marc Murphy – Israele, Palestina e Francia – con la coppia di chef Mohammed e Selma Herbi del ristorante Le Grain de Folie. A due giurie l’arduo compito di premiare il Miglior cous cous 2017: una tecnica, presieduta da Joe Bastianich, ed una popolare, formata dai visitatori della manifestazione.

bastianich-wines-01

Le occasioni per assaggiare il cous cous, nelle numerose varianti locali ed internazionali e nelle versioni più stravaganti, non mancano. Oltre trenta le ricette proposte nelle “Case del cous cous”, i punti di degustazione sparsi per San Vito Lo Capo, a cui quest’anno se ne aggiunge uno nel centro del paese dedicato alle ricette della tradizione locale.

Per gustare le ricette d’autore ci sono, invece, i cooking show con i più prestigiosi protagonisti della cucina italiana ed internazionale. Sul palco a presentare le proprie interpretazioni del piatto protagonista della rassegna ci sono Claudio Sadler, due stelle Michelin, Filippo La Mantia, l’oste e cuoco siciliano, Sonia Peronaci, una delle food blogger italiane più influenti, Sergio Barzetti, volto della Prova del cuoco, e Giorgio Barchiesi, in arte Giorgione, di Gambero Rosso Channel.

img_6463

Per i più golosi all’expo village ci sono, infine, i dolci della tradizione siciliana. Un vero e proprio suq, aperto dalle 12 alle 24, in cui perdersi tra prodotti gastronomici e manufatti tipici della Sicilia e dei Paesi in gara.

Cous Cous Fest non è solo gastronomia: di sera San Vito Lo Capo si riempie di musica. Tanti i concerti gratuiti in cartellone. Si inizia venerdì 15 settembre con gli Jarabe De Palo, il gruppo spagnolo – che festeggia i 50 anni del leader Pau Dones e vent’anni di carriera come il Cous Cous Fest – arriva a San Vito Lo Capo, seconda tappa italiana dopo Napoli, con il tour mondiale “20 anos”. Venerdì 22 settembre è, invece, il turno di Francesco Gabbani, reduce dal successo all’ultimo Festival di Sanremo, con il suo ultimo album “Magellano” che contiene anche il tormentone “Occidentali’s Karma”, triplo disco di platino per le oltre 150.000 copie vendute. Sabato 23 settembre arrivano, infine, sul palco di Piazza Santuario Joe Bastianich & The Ramps – l’imprenditore statunitense di origini italiane, noto in Italia come giudice di Masterchef, è il frontman del gruppo – a coinvolgere il pubblico con un live folk-blues-rock.

Ma non finisce qui. Cous Cous Fest è anche approfondimento. Al Café le Cous Cous, il talk show del festival, giovedì 21 e venerdì 22 settembre alle 21:30, giornalisti ed ospiti prestigiosi si confrontano su temi d’attualità. Tra questi Giorgio Mulè, direttore di Panorama, e Tiziana Dell’Orto, direttrice generale del World Food Programme Italia.
Insomma, un appuntamento da non perdere che chiude l’estate con un forte messaggio di pace: “Welcome Diversity”.

Camilla Rocca & Nathalie Communod

_q0a8676

Per maggiori informazioni www.couscousfest.it

Autore

- Studiando finanza a Verona, passavo gli appunti ai compagni, imprenditori vinicoli della Valpolicella: da lì l'amore per il buon cibo e il bere bene è stato fatale. Non mancavano ville venete dove degustare le amenità del territorio e il mio amore per l'arte e il bello si è sviluppato. Gli eventi enogastronomici e artistici mi appassionavano così tanto che, dopo assidue frequentazioni, ho pensato prima di organizzarli e poi di gestirne gli inviti, con tanto di laurea a sostegno. Certo le PR le ho sempre avute nel sangue... anche se è il brivido della notizia a farmi perdere la testa!


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Immagine CAPTCHA
*

Eventi sponsorizzati

Vuoi inserire i tuoi eventi d'arte? Con 50 euro l'anno puoi farlo liberamente! Clicca qui e registrati ora come gestore eventi ArtsLife.

Pubblicità

Pubblicità

modenantiquaria
Brafa
Pandolfini
IL PONTE | 20 dic 17
Eberhard
Cambi