meeting art 855 | 27 gen
Pubblicato il: lun 12 Dic 2016
Print Friendly and PDF

Arte e cambiamento alla Fondazione Beyeler

Macke, 1914 grosse promenade photo by Antoh

Macke, 1914,  big Promenade, photo by Antoh

La Fondazione Beyeler, fino al prossimo 1° gennaio 2017, unisce tre percorsi espositivi interessanti in una visione d’insieme particolare. Se si comincia visitando l’importante mostra Kandinsky, Marc & Der Blaue Reiter (sostenuta dal colosso Novartis), si apprezzerà la possibilità di ammirare un numero importante di opere di rilievo sia di Kandinsky che di Mark, ma anche belle opere di Munter, Macke ed altri.

Kandinsky alla Beyeler e non solo

Kandinsky alla Beyeler e non solo

Kandinsky. Deux cavaliers et figure allongee-1909-1910

Kandinsky. Deux cavaliers et figure allongee-1909-1910

Kandinsky fragment de composition ii 1910 photo by Antoh

Kandinsky
fragment de composition ii 1910 photo by Antoh

Franz Mark Die angst des hasen, 1912

Franz Mark
Die angst des hasen, 1912

 

Il pregio di queste mostre che presentano movimenti importanti (necessitanti di un gran lavoro per rimettere insieme opere di artisti più e meno noti) è di far apprezzare movimenti artistici da cui sono emersi artisti geniali e famosi al grande pubblico, ma anche di far rivivere l’essenza complessiva di questi gruppi che hanno interpretato al meglio cambiamenti importanti nella storia dell’arte. In questo caso, l’idea rivoluzionaria di rappresentare la spiritualità attraverso l’arte visiva astratta è ancora oggi viva è feconda. Attraverso la mostra, che espone oltre 90 opere di spessore tra cui molti capolavori, possiamo rivivere la forza di un movimento che in pochi anni ha rivoluzionato i canoni estetici e che ha suscitato tra i contemporanei critiche violente. L’ultima grande sala contiene grandi opere di Kandinsky che non possono non lasciarci per un po’ in meditazione estatica.

photo by Antoh

photo by Antoh

Franz Mark

Franz Mark

Si può poi passare alla mostra dedicata a Roni Horn, al cui allestimento ha contribuito la stessa artista. Dopo aver vissuto l’energia di un movimento storico di violento cambiamento, la contemporanea Roni Horn si presenta con una sottile e poetica riflessione visiva su ciò che significa proprio il cambiamento: variazioni, punti di vista, mutazioni naturali. Le coppie di foto autobiografiche scattate nel corso della vita dell’artista sono semplici ed eloquenti visioni del nostro cambiamento. Le foto del mare di Islanda ci riportano al movimento perenne della natura. L’acqua poi si presenta direttamente in mostra attraverso una istallazione riproposta alla Beyeler, ed infine ci restano impressi anche i delicati personaggi di fiabe e del mondo animale che vengono mostrati in variazioni quasi musicali.

Roni Horn

Roni Horn photo by Antoh Mansueto 2016

Roni Horn

Roni Horn

Roni Horn

Roni Horn

 

 

 

E un riferimento al tema del cambiamento lo si trova, infine, nelle sale dedicate a una piccola parte della vasta e potente collezione permanente. Dalle sculture di Giacometti, ad altri capolavori, ci si ritrova poi nella sala in cui si mostrano a confronto alcuni ritratti del Picasso cubista con i ritratti “post fotografici” di Marlene Dumas, a cui era stata dedicata una ampia mostra in precedenza: cambiamenti stilistici maturati in quasi 100 anni. Un confronto ardito, eppure fecondo di qualche impressione e riflessione importante su corsi e ricorsi della storia dell’arte.

12-beyeler-2-permanent-collection

Giacometti, collezione permanente Beyeler

13-a-picasso-foundation-beyeler

Picasso, collezione permanente Beyeler

 

Le vetrate del museo si aprono in un paesaggio che muta con le stagioni e i giorni, e ci si può comodamente sedere ad osservarlo in sofà, come fosse un’opera in perenne mutazione: la visita artistica vale un viaggio e meditare sul concetto di cambiamento in un’epoca di rapide e convulse mutazioni non è da poco.

view of the garden foundation beyeler - photo by Antoh

view of the garden foundation beyeler – photo by Antoh

 

• KANDINSKY, MARC & DER BLAUE REITER
SEPTEMBER 4, 2016 – JANUARY 22, 2017
• RONI HORN
OCTOBER 2, 2016 – JANUARY, 1 2017
FONDATION BEYELER
Baselstrasse 101
CH-4125 Riehen / Basel
Switzerland
Phone +41 – 61 – 645 97 00
Fax +41 – 61 – 645 97 19
Email: info@fondationbeyeler.ch

Open daily, 10:00 a.m. – 6:00 p.m., Wednesdays, 10:00 a.m. – 8:00 p.m.
The museum is open 365 days a year – with regular opening hours on all Sundays and public holidays.

 

5 (100%) 3 votes

Autore

- Analista finanziario ed artista a firma Antoh


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Cambi Casa d'Aste
PANDOLFINI | 26 FEBBRAIO
Artcurial | 28 feb
WANNENES | ISTITUZ
Andrey Esionov
Il Ponte | 22 mar