meeting art istituzionale
Pubblicato il: dom 10 Mag 2015
Print Friendly and PDF

Lo Studiolo del Duca. Il ritorno degli Uomini Illustri alla corte di Urbino

s

Lo Studiolo del Duca

12 marzo – 4 luglio 2015, Palazzo Ducale, Galleria Nazionale delle Marche

Dopo quasi quattrocento anni i ventotto ritratti dei padri della conoscenza e dell’arte (poeti, filosofi, scrittori ed eruditi) tornano a casa: nello Studiolo del Duca Federico da Montefeltro (1422 – 1482), realizzato nel 1476.

Nel 1633, dopo la fine della dinastia dei Della Rovere e il passaggio del ducato di Urbino allo stato pontificio, i dipinti furono acquisiti e portati a Roma dal cardinale Antonio Barberini per finire poi nelle mani del marchese Campana.

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Pietro d’Abano  Dipinto su tavola, 96 x 63 cm  Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Pietro d’Abano
Dipinto su tavola, 96 x 63 cm
Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Infine i 14 ritratti, oggi conservati al Museo del Louvre a Parigi, furono acquistati da Napoleone III e gli altri 14 furono acquistati dallo Stato italiano, grazie a un accordo con i Barberini nel 1934, e sono conservati nel Palazzo Ducale di Urbino (Galleria Nazionale delle Marche).

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Platone Dipinto su tavola, 104 x 68 cm Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Platone
Dipinto su tavola, 104 x 68 cm
Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Questa mostra costituisce un evento eccezionale, occasione unica e forse irripetibile, per ammirare la ricostruzione filologica del luogo prediletto dal Duca. Un condottiero che, come raffigurato nelle tarsie, deposte le armi rinuncia alla guerra e, ‘homo virtuosus’, avvolto in un mantello da filosofo con la lancia abbassata si ritira nel luogo deputato alla meditazione per dedicarsi al buon governo guidato da sapienza e scienza, traendo ispirazione dai suoi massimi rappresentanti per portare a termine, attraverso un percorso di ascesa intellettuale e spirituale, il processo di perfezionamento.

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Ippocrate  Dipinto su tavola, 98 x 66 cm  Urbino, Galleria Nazionale delle Marche © M2ADL

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Ippocrate
Dipinto su tavola, 98 x 66 cm
Urbino, Galleria Nazionale delle Marche © M2ADL

Se le tarsie lignee del piccolo Studiolo di bottega fiorentina, che ricostruiscono illusionisticamente un ambiente con sedili e armadi, hanno meravigliato generazioni di studiosi e visitatori, ora la perfezione del programma iconografico, che è possibile ammirare nella sua completezza, immobilizza lo spettatore per la sua bellezza nel luogo destinato allo studio e alla riflessione, dal quale non si vorrebbe mai uscire.

st

Lo sguardo sale dai paesaggi, dai libri, dagli strumenti musicali e astronomici intarsiati fino alla zona più alta delle pareti rivestite dai coloratissimi e brillanti ritratti degli Uomini illustri, in gruppi di quattro su due file, per finire al soffitto a cassettoni che sembra di pizzo. Pochissimi metri quadri che sono una summa di arti e cultura con cui Federico (adottato dal conte Guidantonio da Montefeltro che lo mandò a Cà Zoiosa di Vittorino da Feltre dove studiava l’élite del tempo) legittima la sua discendenza dinastica e il suo ruolo di guida intellettuale. Dopo la morte di Guidantonio e del figlio legittimo, Federico, fu posto alla guida del ducato per acclamazione e celebrò il suo maestro (Vittorino) includendolo, come solo laico contemporaneo, tra gli Uomini illustri.

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Alberto Magno Dipinto su tavola, 116 x 53 cm  Urbino

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Alberto Magno
Dipinto su tavola, 116 x 53 cm
Urbino

Federico, che si faceva ritrarre sempre di profilo a causa della perdita di un occhio durante una giostra a cavallo, stette al servizio degli Aragona per ventisette anni, fatto che gli procurò gli ingenti guadagni con cui costruì e arredò i palazzi di Urbino e Gubbio. Nel 1474 ottenne da papa Sisto IV Della Rovere il titolo di duca e dal re Edoardo IV d’Inghilterra l’Ordine della Giarrettiera. Si circondò di artisti e intellettuali quali: Luciano Laurana, Francesco di Giorgio Martini, Piero della Francesca, Giusto di Gand, Pedro Berruguete e il matematico Luca Pacioli. La sua biblioteca, che vantava oltre 1760 codici manoscritti, venne acquistata da papa Alessandro VII Chigi nel 1657 per pochi scudi e costituisce, oggi, un nucleo importante della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Bartolo da Sassoferrato  Dipinto su tavola, 95 x 57 cm  Urbino

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Bartolo da Sassoferrato
Dipinto su tavola, 95 x 57 cm
Urbino

Le ultime indagini condotte sui ritratti hanno portato all’identificazione di due gruppi di disegni e quindi di due esecutori, identificati dalla critica con Giusto di Gand e un pittore spagnolo (forse Pedro Berruguete) residente nel 1477 in un appartamento del palazzo ducale.

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove) Antwerpen (B), not. 1460 – 1475 Pedro Berruguete (Paredes de Nava) Palencia (SP), 1450ca. – 1505 Solone  Dipinto su tavola, 95 x 58 cm Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Giusto di Gand (Joos Van Wassenhove)
Antwerpen (B), not. 1460 – 1475
Pedro Berruguete (Paredes de Nava)
Palencia (SP), 1450ca. – 1505
Solone
Dipinto su tavola, 95 x 58 cm
Parigi, Musée du Louvre © C2RMF/ E. Lambert

Gli Uomini illustri, il cui filo conduttore è la loro attività spirituale o di studiosi, sembrano, alla presenza di Federico, alle cui virtù (Fede, Carità e Speranza) rinviano le personificazioni intarsiate dello Studiolo, dialogare tra loro: Platone, Aristotele (Parigi); San Gregorio (Urbino), San Girolamo, Tolomeo (Parigi); Boezio, Sant’Ambrogio (Urbino); Sant’Agostino (Parigi), Euclide (Urbino), Vittorino da Feltre (Parigi), Pio II (Urbino), Bessarione, Solone (Parigi); Bartolo da Sassoferrato, Alberto Magno (Urbino); Sisto IV (Parigi), Ippocrate (Urbino), Pietro d’Abano, Dante Alighieri (Parigi); Francesco Petrarca, Cicerone (Urbino); Seneca (Parigi), Mosè, Salomone, Omero (Urbino); Virgilio, San Tommaso d’Aquino (Parigi) e Duns Scoto (Urbino). Federico fonda la propria legittimazione non sugli antenati ma sui propri padri spirituali e culturali. Dopo questa mostra è auspicabile che i ritratti di Urbino rimangano nello Studiolo e che quelli di Parigi possano essere sostituiti da copie che in ogni caso restituirebbero al visitatore il programma iconografico di questo gioiello rinascimentale.

__________________________

INFORMAZIONI UTILI:

Lo Studiolo del Duca.
Il ritorno degli Uomini Illustri alla corte di Urbino

Galleria Nazionale delle Marche
Palazzo Ducale,
Piazzale Duca Federico, 13
61029 – Urbino

12 marzo – 4 luglio 2015

PREZZO DEL BIGLIETTO
Biglietto di ingresso Comprensivo della visita alla Galleria Nazionale delle Marche
Intero € 12,00
Ridotto € 9,50

ORARI
Lunedì dalle 8.30 alle 14.00
(la biglietteria chiude alle ore 13.00)
Da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.15
(la biglietteria chiude alle ore 18.15)
www.mostrastudiolourbino.it

5 (100%) 6 votes

Autore

- Arte, viaggi lettura/scrittura dipendente. Ha conseguito due lauree all'Università di Roma La Sapienza: Lettere (magistrale cum laude, indirizzo storia dell'arte, tesi in Iconografia e Iconologia) e Lingue e Civiltà Orientali (indirizzo indologico, tesi in Archeologia e Storia dell'arte dell'India e dell'Asia Centrale). Ha ultimato il Corso di Perfezionamento in New Media e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Roma di Tor Vergata (storia e tecnica del linguaggio cinematografico e videografico, cibernetico e multimediale; comunicazione e pubblicazione via rete; presentazione e composizione editoriale, teoria e tecnica della comunicazione di massa, organizzazione museale e new media; linguaggi ed evoluzione delle strategie di comunicazione in arte). Ha organizzato mostre ed eventi culturali.


Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Andrey Esionov
Il Ponte | 22 mar
Bertolami Fine Arts
WANNENES | ISTITUZ
Artcurial | 27 marzo
Cambi Casa d'Aste
Miart 2019