Meeting Art
Pubblicato il: ven 17 Apr 2015
Print Friendly and PDF

EXPOsed: 184 creativi per Milano alla Fabbrica del Vapore

EXPOsed è in arrivo alla Fabbrica del Vapore. La reporter milanese Marina Spironetti, formatasi al London College of Communication, ha coinvolto 184 personaggi fra creativi, artisti, musicisti, professionisti, designer che incarnano le mille anime della città di Milano, la sua cultura e la sua arte e si sono prestati a raccontarla.

Giuliana_Cuomo1526

E’ nata  così EXPOsed, una mostra fotografica in apertura il 23 aprile alla Fabbrica del Vapore di Milano, che dedica idealmente un’immagine e un personaggio ad ogni giorno di Expo.

Per ogni immagine, una parola – o una breve frase – , scritta su una lavagnetta o altro supporto, in cui il soggetto fotografato parla di un aspetto che lo lega a Milano e che ama particolarmente: si va dai quartieri alle sensazioni, dalle strade ai ricordi del vissuto di ciascuno dei 184 artisti. A integrare le affermazioni delle immagini, anche delle registrazioni audio, che diventeranno un’installazione sonora durante la mostra alla Fabbrica del Vapore (a cura di Luca de Marinis).

Giorgio Azzone, danzatore Basilica di San Lorenzo Maggiore, dicembre 2014

I soggetti ritratti sono stati selezionati in base al loro curriculum artistico, persone il cui operato è sotto gli occhi della collettività ancor più del nome. Lo scopo infatti non è la consacrazione, non è una selezione «all stars» né al contrario uno scouting tra emergenti, ma il mostrare l’inaspettato nella relazione tra talenti, luoghi, fermento culturale della capitale di moda, design e comunicazione nell’anno in cui si espone al mondo.

Un filo rosso accomuna i personaggi: il carisma di sapersi mostrare in modo talentuoso, lasciando che l’incontro con l’obiettivo di Marina Spironetti ritagli una scheggia di realtà milanese, eccezionale e irripetibile, quanto mai lontana dai luoghi comuni tradizionalmente associati con questa città.

Un progetto propositivo, che vuole rinforzare l’immagine di Milano come capitale creativa d’Italia in un momento molto particolare, proprio quando la città si prepara al grande evento di Expo in un momento di generale crisi economica, e che vuole mostrare come Milano riesca, attraverso innovazione, creatività e cultura, a giocare ancora un ruolo chiave nel panorama internazionale.

Lara Guidetti, Milano, gennaio 2014

Tra i personaggi che hanno posato per l’obiettivo di Marina Spironetti, grandi nomi del teatro come Lella Costa e Andrée Ruth Shammah, personaggi del mondo musicale come Andy dei Bluevertigo, Paola Folli, Christian Meyer di Elio e le Storie Tese, Nick the Nightfly, leggende del jazz come i mitici Franco Cerri e Franco d’Andrea, designer come Perry King, Santiago Miranda e Raffaele Iannello.

Ed ecco dunque “partire” e “tornare”, ecco i luoghi della musica e dell’arte, ecco spaccati, angoli di città, il soffermarsi e lento indugiare oppure il morso goloso e vorace, ecco l’interno di un teatro, di una sartoria, di un locale, di una casa, e i luoghi “fuori”: galleria, stazione, naviglio, il cuore e la periferia, le diverse facce, la fretta e l’attesa, il tutto raccontato dall’obiettivo che raccoglie e generoso diffonde 184 punti di vista.

Alberto Onofrietti, attore Bosco in città, luglio 2014

La mostra di Marina Spironetti, in collaborazione con il Comune di Milano e la Fabbrica del Vapore, rientra nel circuito Expo in Città. È organizzata da MC2, Clarart e Good Biz. È sostenuta da Kinanto e Cristina Pastori, con il patrocinio di F.I.M.A.A. Milano Monza Brianza – aderente a Confcommercio. Gode infine della partecipazione tecnica di Spazio Biennale, Pro Event, oltre a Montanari Gruzza e Ceretto.

Alessandra Merini, PR, Palazzo di Cristallo di Rubattino, Milano, Marzo 2014

Marina Spironetti è una fotoreporter milanese. Dopo una laurea in Lingue e letterature straniere moderne, studia fotogiornalismo al London College of Communications e inizia a lavorare come fotografa professionista nel 2004. Dal 2005 al 2007 collabora come corrispondente dal Regno Unito per l’agenzia fotografica Eidon Press, dedicandosi soprattutto alla politica internazionale. Fra gli eventi coperti, la presidenza britannica dell’UE, il G8 di Gleneagles, gli attentati terroristici di Londra. Nello stesso periodo realizza inoltre alcuni servizi fotografici per l’Ansa. Dal 2005 al 2006 collabora come corrispondente da Londra per Radio Montecarlo. Recentemente ritornata a Milano dopo un periodo di 12 anni all’estero (Londra, Parigi, Buenos Aires), lavora come freelance, dedicandosi principalmente al Reportage e alla fotografia di scena. Collabora regolarmente con riviste italiane e internazionali (TimeOut (UK), Italia! (UK), Taste Italia (UK), Morning Calm (Corea del Sud), Bell’Europa, Panorama Travel, In Viaggio, Visão Vida & Viagens (Portogallo).

Andrea Fumagalli, aka Andy, musicista Milano, novembre 2014

MOSTRE FOTOGRAFICHE RECENTI:
“Ten Italian Stories” – Viaggio nelle tradizioni Italiane. Mostra personale, ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo Italiano), Londra, UK (novembre 2010)
“Emotions – a Dance photography exhibition”, mostra personale di fotografie di danza, KAD Building, Parlamento europeo, Lussemburgo (2006)
“Movimenti – a dance photography exhibition”, doppia personale con Ottavia Castellina, The Place Theatre, Londra, UK (2006).

 

_________________________________

EXPOSED. 184 CREATIVI PER MILANO
fotografie di Marina Spironetti

Mostra a cura di Roberta Reineke

Fabbrica del Vapore, Spazio ex Cisterna
Milano, Via G. Procaccini 4
24 aprile – 23 maggio
Orari: da martedì a domenica dalle 11 alle 19
INGRESSO GRATUITO

Opening giovedì 23 aprile ore 18.30

tutte le foto: © Marina Spironetti
www.fabbricadelvapore.org

 

5 (100%) 11 votes

Autore

Commenta con Facebook

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Eventi sponsorizzati

Pubblicità

Artcurial
Bertolami
Mirco Cattai Fineart&Antiquerugs
Brafa
WANNENES
Pandolfini
Cambi
Il Ponte
Eberhard